OGLIASTRA – Daniele Lupo e Giuseppe Ottaviani, battuta la Calabria, conquistano il primo oro nella finale del beach volley maschile della massima rassegna giovanile di volley del nostro paese

E’ stata la degna conclusione di un Trofeo delle Regioni che si consegna alla storia del volley giovanile come quello targato indubitabilmente Lazio che non era mai arrivato così in alto nonostante una lunga serie di podi che avevano solo in parte nobilitato le potenzialità della regione.

La finale del beach si è giocata quando ancora non s’era spenta l’eco dell’impresa dei ragazzi di Luca Tomassi, capace di respingere gli assalti di un Veneto stellare.

La coppia del Lazio partiva consapevole di poter fare la gara e così è stato. Imponendo il gioco i ragazzi di Luca Tomassi volavano al vantaggio (21-17) e sembravano in grado di chiudere in soli due set (17-14). A questo punto la Calabria si rifaceva sotto, ricuciva lo svantaggio davanti ad un avversaria all’improvviso involuta, e impattava ai vantaggi (23-21). Quando tutti cominciavano a pensare che il Lazio avrebbe accusato il colpo dell’occasione mancata, accadeva invece il contrario. Lupo-Ottaviani ricominciavano a giocare come all’inizio, piazzavano la fuga buona e chiudevano 15-10 mettendo le mani sull’oro.

Tripudio in campo e chiosa finale del Presidente Luciano Cecchi: “Emozioni fortissime, i ragazzi sono stati fantastici come tutto lo staff. Questo Trofeo delle Regioni giocato in Sardegna entra di diritto tra le pagine più belle della Pallavolo laziale di sempre. Un pensiero speciale va alle famiglie, venute in massa a fare tifo. Sono state il valore aggiunto di un’avventura indimenticabile. La pallavolo del nostro territorio é in uno stato di salute invidiabile”.

Nel torneo femminile successo alla squadra delle Marche che in finale ha superato l’Abruzzo 2-0 (21-17 21-11).