Turchia F.: Boskovic (35) e Kim (8 nel tie-break) mettono la firma su gara 1. Vakifbank cede 2-3

Finale 1°-2° posto: Gara 1 (24 aprile)
Vakifbank Istanbul – Eczacibasi VitrA Istanbul 2-3 (25-23, 17-25, 19-25, 25-18, 12-15)
Vakifbank: Ozbay 5, Zhu Ting 27, Gunes 3, Sloetjes 11, Robinson 12, Akman Caliskan 12, Orge Guner (L); Aykac 0, Gulubay 0, Karakurt 7, Rasic 2, Senoglu 0. Non entrate: Gurkaynak, Cebecioglu. All: Guidetti.
Eczacibasi: Dilik 1, Larson 10, Arici 4, Boskovic 35, Kim Yeon-Koung 19, Cansu Kilicli 4, Akoz (L); Ismailoglu 0, Gibbemeyer 2, Alikaya Kilic 2. Non entrate: Onal, G. Yilmaz, Atlier, Bagci (L). All: Motta.

ISTANBUL – L’Eczacibasi, che non vince lo scudetto dalla stagione 2011-’12, comincia bene la caccia al triplete (dopo Supercoppa e Coppa di Turchia) facendo sua al tie-break gara 1 contro il Vakifbank di Guidetti (e Di Iulio, anche oggi in tribuna per il limite sulle straniere).

PIU’ E MENO – A mettere la firma sul successo della formazione di Motta è manco a dirlo la solita Boskovic con 35 punti, il 64% in att. (54% di eff.) e 3 muri, ma nel momento decisivo del tie-break e dopo un match in sordina sale in cattedra anche Kim Yeon-Koung: per la coreana ben 8 punti nel 5° set con 6/11 in att., 1 muro e 1 ace. Per l’Eczacibasi ha poi paradossalmente giocato in positivo l’infortunio di Dilik avvenuto col Vakifbank avanti 1-0 e 11-7 nel 2° set. Dopo l’ingresso di Alikaya Kilic la formazione di casa ha perso efficacia a muro. Prova sottotono per Larson (35% di vinc. e solo 4% di eff. in att.), male il libero Akoz bersagliato in ricezione (4 errori).
Nel Vakifbank brilla la solita Zhu Ting con 27 punti, il 55% in att. (45% di eff.) e bella prova per Akman Caliskan a muro (ben 7, ma 5 concentrati nel primo set), ma per il resto c’è poco da salvare con nota di demerito per Ozbay, a tratti persino sostituita dalla decisamente acerba Gulubay.

SESTETTI – Vakifbank in campo con la formazione tipo per l campionato: Ozbay, Sloetjes; Robinson-Zhu Ting; Akman Caliskan-Gunes; Orge Guner (L). Rasic è in panchina, Di Iulio in tribuna. Formazione tipo anche per Motta che ritrova per la prima volta Arici dopo il lungo stop per appendicite: Dilik-Boskovic; Kim-Larson; Cansu Kilicli-Arici; Akoz (L).

LA PARTITA 
1° set: Avvio combattuto con scambi lunghi e tanti difese. Il primo allungo è del Vakifbank con Akman che punisce una ricezione lunga di Akoz (8-6) e poi mura Cansu (9-6). La centrale dell’Eczacibasi si rifà con un ace grazie all’aiuto del nastro (9-8), ma Akman mura anche la pipe in contrattacco di Kim (10-8) ed il Vakifbank resta a +2 al time-out tecnico (12-10) con l’attacco vincente di Sloetjes. Boskovic arpiona a muro il pallonetto di Robinson e si torna in parità: 12-12. Una sin qui poco cercata Zhu Ting marca il suo primo punto con un comodo slash su un’altra ricezione lunga di Akoz (16-14) e poi si fa vedere a muro rispedendo al mittente la fast di Cansu (17-14). Sul 18-15 dentro Ismailoglu in seconda linea e Gibbemeyer in prima al posto di Kim Yeon-Koung e Arici. La centrale statunitense non spreca la ricezione lunga di Robinson e l’Eczacibasi torna a -1: 18-17. Riceve lungo anche Ismailoglu e stavolta il punto facile è per Robinson: 21-18. Più difficile per Robinson aggiustare un’alzata fuori misura di Ozbay ed infatti arriva il muro di Dilik: 22-21. La statunitense si innervosisce ed invade quando attacca di prima intenzione dopo una difesa lunga su di lei: 22-22. La grande protagonista del set è però Akman che sale a quota 5 muri personali fermando 2 volte Boskovic sui palloni decisivi: 24-22 e 25-23.

2° set: Eczacibasi di nuovo con Kim (1 solo punto nel primo set) e Arici (ancora a 0 punti). Parte meglio il Vakifbank che scappa con l’ace di Gunes su Akoz (5-3) ed il contrattacco di Akman dopo difesa su Larson (8-5). Arici entra in tabellino murando Sloetjes (8-7), ma Akman fa ace su una Akoz in giornata no (10-7) e Zhu Ting va a segno in contrattacco dopo una difesa su Dilik (11-7). In ricaduta dal tentativo di muro storta alla caviglia per Dilik che lascia il posto ad Alikaya Kilic. L’Eczacibasi pareggia subito proprio sul turno di battuta della neoentrata: contrattacco di Boskovic (11-9), errore di Sloetjes (11-10) e contrattacco di Larson (11-11). L’Eczacibasi passa anche in vantaggio sull’errore di Zhu Ting (12-13) ed allunga su un altro errore della cinese: 13-15. Il 13-16 invece è di Boskovic. Cansu mura Sloetjes (13-17) e Guidetti prova a spezzare il momento negativo inserendo Gulubay per Ozbay. Mossa senza esito perché l’Eczacibasi allunga ancora con una pipe di Kim (16-21) ed un muro di Larson su Akman (16-22). Muro anche per Arici su Zhu Ting (16-23). Il 16-24 è di Arici, il 17-25 di Boskovic.

3° set: Torna Ozbay nel Vakif, resta ovviamente Alikaya nell’Eczacibasi. Subito break e controbreak (0-1, 2-1, 2-3). Ad allungare è l’Eczacibasi che legge bene la poco convincente Ozbay: contrattacco di Boskovic (2-4), attacco in rete di Gunes (3-6), muro di Cansu su Sloetjes (3-7), muro di Cansu su Gunes (3-8). Torna Gulubay per Ozbay, ma regala subito un fallo in palleggio: 3-9. Guidetti spende allora un time-out, ma al rientro è l’Eczacibasi che allunga ancora con un ace di Kim: 4-11. Sloetjes sale in doppia cifra con 2 punti consecutivi (6-11), Larson non trova le mani del muro (7-11) ed è Motta a chiedere tempo. L’Eczacibasi esce bene dal time out con Boskovic ed i muri di Arici ed Alikaya su Robinson: 7-14. Torna Ozbay in regia, ma è Larson ad allungare per le ospiti: 8-16. Robinson fa ace (10-16), ma una bella palla di Kim ricaccia le avversarie a -8: 10-18. Entrano Karakurt per Sloetjes e poi Rasic per Gunes. Il Vakifbank ci prova con uno slash di Zhu (13-19) ed un muro di Robinson (15-20), ma Ozbay spreca una rigiocata servendo una palla pessima a Rasic che infatti va in rete (15-21). Sul 16-22 entrano Ismailoglu e Gibbemeyer per Kim e Arici. Karakurt trova l’ace del -4 (18-22), ma Boskovic mura Robinson (18-24) e poi chiude in attacco: 19-25.

4° set: Vakifbank con Karakurt e Rasic confermate in campo. Alikaya apre con un ace su Zhu Ting (0-1), ma il Vakifbank sorpassa con un ace di Rasic (5-4) ed una pipe out di Larson (6-4). Sbanda soprattutto in ricezione l’Eczacibasi: doppio contrattacco di Zhu (8-5 e 9-5), muro di Karakurt su Larson (10-5), ace di Ozbay (11-5). Dal 13-7 l’Eczacibasi si riporta sotto con i contrattacchi di Boskovic (13-9) e Kim (13-10) ed il quasi ace di Larson (13-11). Sul 14-12 entrano Ismailoglu e Gibbemeyer, ma stavolta per Larson e Cansu. Boskovic in contrattacco (imprecisa Ozbay per Rasic) fa il -1 (14-13), poi firma anche il 15-14 e il 16-15 dopo scambio prolungato, ma concede il 18-15. Sbaglia anche Ismailoglu (rimasta anche in prima linea) sia in attacco (19-15) che in ricezione (20-15) sulla battuta di Ozbay. Il Vakifbank stampa altri 2 muri con Karakurt su Boskovic (21-15) ed Akman su Ismailoglu (22-16). Torna Larson, ma è murata da Rasic (24-18) e Karakurt manda tutti al tie-break (25-18).

5° set: Guidetti conferma Karakurt e Rasic. Eczacibasi con la formazione iniziale salvo ovviamente Alikaya per Dilik. Buon avvio di 5° set per Kim che mette 2 punti in attacco e uno a muro su Robinson (2-3). Guidetti interrompe un’azione chiedendo la verifica al videocheck di un possibile fallo di seconda linea di Boskovic, ma perde il punto: 3-4. Kim pesca l’ace del 3-5. Zhu impatta in pipe (6-6) dopo ricezione negativa della coreana. L’attacco out di Karakurt manda al cambio campo sul 6-8. Nuova parità con Zhu Ting a segno da posto 4 dopo scambio lunghissimo: 8-8. Boskovic stringe troppo il diagonale da posto 4: 9-8. Dentro Ismailoglu e Gibbemeyer per Larson e Arici. Kim ribalta tutto con 3 punti consecutivi: pipe che buca il muro a 3 (9-9), slash dopo il mezzo punto in battuta di Ismailoglu (9-10), contrattacco da posto 4 dopo la difesa di Akoz su Zhu Ting (9-11). Akoz ne salva un’altra sulla cinese e stavolta è Boskovic ad andare a segno: 9-12. Kim macchia il suo tie-break quasi perfetto regalando in attacco l’11-12, ma Boskovic non sbaglia (11-13) ed è ancora Kim con l’ottavo punto personale nel 5° set a conquistare 2 match point (12-14). Chiude il match un erroraccio in attacco di Rasic su alzata non impeccabile di Ozbay: 12-15.

Formula
Si gioca al meglio delle 3 vittorie su 5 incontri.

Il calendario (orario italiano)
Gara 2 (26 aprile)
ore 17.00 2° vs. 1°: Vakifbank Istanbul – Eczacibasi VitrA Istanbul

Gara 3 (29 aprile)
ore 17.00 1° vs. 2°: Eczacibasi VitrA Istanbul – Vakifbank Istanbul

Eventuale Gara 4 (2 maggio)
ore 17.00 1° vs. 2°: Eczacibasi VitrA Istanbul – Vakifbank Istanbul

Eventuale Gara 5 (5 maggio)
ore 13.00 1° vs. 2°: Eczacibasi VitrA Istanbul – Vakifbank Istanbul

Sostieni Volleyball.it