Turchia F.: Vakifbank in finale. 4 match point annullati al Galatasaray in gara 2

883
33 punti di Zhu Ting salvano un Vakifbank al di sotto dei suoi standard

Semifinale: Gara 2 (27 marzo)
Vakifbank Istanbul – Galatasaray Istanbul 3-2 (25-23, 24-26, 22-25, 32-30, 15-8) Serie: 2-0
Vakifbank: Aydemir 2, Zhu Ting 33, Akman Caliskan 9, Sloetjes 14, G. Kirdar 9, Rasic 6, Orge Guner (L); Ozbay 3, Robinson 3, Aykac (L), Durul 1, Senoglu 0, Gunes 2. Non entrata: Gurkayanak. All: Guidetti.
Galatasaray: Alikaya 4, Rabadzhieva 18, Kalac 5, Demir 25, Cetin 8, Jack 20, Karadayi (L); Aydin 3, Aydinlar 0, Dumanoglu 0, Ruseva 1. Non entrate: Tokatlioglu Aslanyurek, Kayacan (L). All: A. Guneyligil.

ISTANBUL – Come da pronostico il Vakifbank di Guidetti raggiunge in finale l’Eczacibasi Istanbul vendicando la clamorosa sconfitta delle passate semifinali scudetto, ma quella che sulla carta doveva essere poco più di una passeggiata contro il rimaneggiato Galatasaray si è tramutata in un match difficilissimo in cui le campionesse d’Europa hanno dovuto annullare 4 match point nel 4° set (3 consecutivi sul 21-24 ed un altro sul 28-29).

PIU’ E MENO – Il servizio del Galatasaray (10 ace) crea grossi grattacapi al Vakifbank che per lunghi tratti non riesce a fare il suo gioco nonostante Guidetti provi un po’ tutti i cambi per scuotere le sue. Alla fine, dopo un avvio incerto (-14% di eff. nel 1° set), Zhu Ting si carica la squadra sulle spalle e con 14 punti nel 4° set (76% in att. nel parziale) e 8 nel tie-break (7 su 8 in att. e 1 muro) risolve la sfida vincendo il match quasi da sola.

Rabadzhieva in attacco
Rabadzhieva in attacco

LA PARTITA 
1° set: Vakifbank in formazione tipo mentre il Galatasaray deve fare a meno di Kosheleva e Tokatlioglu Aslanyurek ed allora la seconda schiacciatrice è Cansu Cetin.
Contro pronostico è il Galatasaray ad allungare: prima 4-7 sull’ace di Jack e poi 10-13 e 10-14 con la giocatrice di Trinidad & Tobago ancora a segno stavolta in attacco. Il black out del Vakifbank si allunga sino all’11-19 con Guidetti che nel frattempo ha inserito Robinson per Zhu Ting (sul 10-16) e Ozbay per Aydemir (sul 10-17). Sloetjes in contrattacco (13-19) ed Akman a muro (14-19) fanno partire la rimonta. Una doppietta di Kirdar in contrattacco (16-19), un errore di Kalac (18-20), un contrattacco di Rasic (19-20) e il doppio ace di Sloetjes la completano: 22-21. Alikaya regala il 24-22 (rientra Zhu Ting in prima linea) ed Ozbay chiude 25-23.

2° set: Resta in campo Ozbay per Aydemir. Match in discesa dopo una simile rimonta? Neanche per sogno perché l’attacco non è fluido e tornano a far capolino i problemi in ricezione: 1-5 sul doppio ace di Kalac; 5-10 su quello di Alikaya; 6-12 sull’errore in attacco di Sloetjes. Due ace di Ozbay su Rabadzhieva (9-12) spingono Guneyligil a sostituire la bulgara con la giovane Aydin. Il Vakifbank completa la rimonta a quota 14 su 3 errori consecutivi del Galatasaray, ma si pianta di nuovo sul 18-18 con il Galatasaray che scappa 18-22 murando prima Robinson (rimasta in campo in prima linea dopo il giro dietro per Zhu Ting) e poi la rientrante Zhu Ting: 18-22. Un errore di Demir (20-22) e una doppietta di Zhu Ting riaprono il set (22-22). Sul 23-23 torna Rabadzhieva, ma sbaglia Cetin in attacco: 24-23. Il finale però è da horror per il Vakifbank con Akman che si fa beffare a muro da un appoggio in palleggio di Rabadzhieva (24-24) ed i 2 errori in ricezione di Aykac (utilizzata per buona parte del 2° set al posto della poi rientrante Orge) che regalano altrettanti slash a Jack: 24-26.

3° set: Riparte Aydemir titolare. Cala drasticamente il numero dei break-point e le due squadre procedono quasi punto a punto con il primo doppio vantaggio del set che matura su 2 ace consecutivi di Rabadzhieva: 14-16 e Robinson in campo per Zhu Ting. Il Vakifbank risponde con un muro su Demir (16-16), un errore di Cetin (17-16) ed un muro di Robinson su Jack (20-18). Poi si erge il muro del Galatasaray e vengono fermate sia Sloetjes (20-20) che Robinson (20-21). Jack firma anche il 20-22 e rientra Zhu Ting. La cinese va subito a segno, ma poi Sloetjes spara out la palla del pari (21-23) e Demir (21-24 e 22-25) confeziona il clamoroso 1-2.

4° set: Subito 4-1 su doppio contrattacco di Zhu Ting, ma Jack mura la spenta Rasic che lascia il posto a Gunes: 4-3. Il vantaggio del Vakifbank che nel frattempo era tornato di 3 svanisce sull’errore di Sloetjes (11-11) ed Alikaya firma il sorpasso a muro su Zhu Ting: 12-13. Demir affonda il colpo in contrattacco (13-15) e a muro (14-17) con Ozbay che rileva Aydemir, ma Alikaya aggiunge l’ace del 14-18. Cetin tiene il vantaggio: 16-20 e 17-21. Gunes trova un muro su Demir (19-21), ma il Galatasaray regge e nel momento topico riesce anche in una doppia miracolosa difesa su Zhu Ting che Rabadzhieva capitalizza per il match point: 21-24. Dumanoglu entra al servizio ma sbaglia: 22-24. Zhu Ting vince uno scambio prolungato (23-24) e poi trova l’ace millimetrico sancito dal videocheck: 24-24. L’errore di Rabadzhieva ribalta il punteggio (25-24), ma il Galatasaray salva 4 set-point e rimette il naso avanti sull’unico error in attacco del set di Zhu Ting: 28-29. Demir sbaglia la battuta e Zhu Ting chiude la free ball dopo il mezzo punto al servizio di Gunes: 30-29. Zhu Ting procura il sesto set-point (31-30) ed è quello buono perché Rabadzhieva attacca out: 32-30.

5° set: Il Galatasaray regge sino al 6-6, poi dopo l’errore in battuta di Jack (7-6) si blocca sul turno di battuta di Kirdar con Zhu Ting che fa la differenza: 4 punti in contrattacco e 1 a muro per il 13-6. Nel mezzo c’è anche un rosso a Guneyligil per proteste (12-6) per un salvataggio forse irregolare. Finisce 15-8 con Zhu Ting che va a siglare gli ultimi 2 punti.

Sostieni Volleyball.it