a cura dello Staff di Data Project 
 
 
7° giornata di Serie A1 by Data Project
Marmi Lanza Verona – Bre Banca Lannutti Cuneo 1-3

foto
Al PalaOlimpia di Verona si affrontano due squadre con ambizioni di classifica differenti. Mentre Cuneo vuole vincere per non perdere il treno di Macerata, Verona spera di limitare i danni, visto il forfait del regista Meoni e del centrale Zingel.

La gara si risolve in favore di Cuneo, che però fatica più del dovuto a sbrigare la “pratica” Verona. Il 3-1 finale è frutto più di una deconcentrazione degli uomini di coach Piazza che di una reazione vera e propria degli scaligeri.

Analizzando il tabellino possiamo notare la grande differenza tra le due squadre nei punti vinti e persi (-12 per la Marmi Lanza, +7 per la Bre Banca Lannutti) e nelle palle break conquistate (+12 per la Bre Banca). Nonostante un sostanziale equilibrio al servizio e a muro, Cuneo vince nettamente in ricezione (53% a 39% di positività) ed attacco (50% a 37%). (il Tabellino formato allargatotabellino in formato pdf).

La parte bassa del tabellino elaborato con Data Volley ci mostra come Verona sia stata in grandissima difficoltà col palleggiatore in 4, mentre Cuneo ha allungato soprattutto col palleggiatore in 5. La distribuzione dei palloni da parte di Grbic si è dimostrata più efficace rispetto a quella di Peacock, permettendo una percentuale di punto sul primo attacco e sul contrattacco molto più alta rispetto agli avversari. 

foto

Le difficoltà di Verona col palleggiatore in 4 appaiono subito evidenti se in partita si utilizza Click&Scout, che mostra a video gli effetti degli attacchi in tempo reale a seconda della fase (punto o cambio palla). 

foto

Per quanto riguarda Cuneo, la grande quantità di servizi eseguiti da Mastrangelo (25, quasi il doppio rispetto agli altri), conferma la disinvoltura della squadra nel mantenere il servizio con il palleggiatore in 5. 

foto

Per quanto riguarda la prestazione dei singoli giocatori sottolineiamo la grande prova di Sokolov, eletto MVP dell’incontro. Positivo in tutti i fondamentali, spiccano i 6 muri punto e il 65% in attacco, con 30 punti finali.

foto

Per la Marmi Lanza Verona ottima prova in attacco del centrale Gotsev, che chiude con un 73% di positività e 2 muri

foto

Confrontando le diagonali delle due squadre si vedono le differenze di incisività sulla partita, con una netta prevalenza dei giocatori della Bre Banca Lannutti Cuneo.

” /> foto

Utilizziamo il menu analisi di Click&Scout per analizzare alcuni aspetti della partita.

Ricezione: Possiamo vedere che la ricezione di Verona ha avuto parecchi problemi, soprattutto con Ter Horst, nonostante la buona prova del libero Pesaresi

” /> foto

Attacco: Click&Scout scompone l’attacco a seconda del fondamentale precedente e della sua valutazione. In questo caso abbiamo anche il dettaglio di ogni set.  Particolare importanza ha l’efficienza dell’attacco, che è il risultato dei colpi vincenti meno quelli perdenti diviso per il totale dei colpi. Nel dettaglio set notiamo che nel set vinto Verona ha un’efficienza in attacco nettamente superiore rispetto agli altri set, mentre per Cuneo si abbassa drasticamente, soprattutto in contrattacco. 

foto

Guarda in tabellino ingrandito – clicca qui

Statistiche generali: Notiamo come il set vinto dagli scaligeri corrisponda ad un calo in tutti i fondamentali dei cuneesi, che subito si riscattano dal 3 set, andando a vincere tranquillamente la gara.

foto

Guarda in tabellino ingrandito – clicca qui

In questi file potete anche vedere il dettaglio dei giocatori di ogni squadra per le statistiche generali e quelle di attacco 

Statistiche attacco di CuneoVerona
Statistiche generali di CuneoVerona