Amichevole
OLANDA-ITALIA 0-3 (21-25, 16-25, 23-25)
OLANDA: van Haarlem 2, ter Horst 8, Diefenbach 4, van Dijk 5, Koelewijn 2, Andringa 4, Sparidans (L). Plak 2, Jorna, Keemink, ter Maat 4, Abdelaziz 6, Parkinson, Rauwerdink. Ne:  van de Kamp. All. Vermeulen. 
ITALIA: Vettori 13, Giannelli 5, Antonov 6, Lanza 8, Mazzone 14, Piano 5, Colaci (L). Balaso (L), Pesaresi, Spirito. Ne: Ricci, Buti, Sabbi, Botto, Randazzo. All. Blengini 
Arbitri: Geldof, van Gompel
Spettatori: 1100 Durata set: 31’, 26’, 32’ 
Olanda: a 2 bs 12 mv 6 et 24
Italia: a 5 bs 13 mv 7et 23

DOETINCHEM (Olanda) – Gli azzurri di Blengini vincono il primo test match con l’Olanda. Un agevole 3-0 che ha visto l’Italia sempre avanti a condurre sull’Olanda di Gido Vermeulen.  

Sestetto rotazione Italia – Giannelli in regia, Lanza posto 4, Piano centrale, Vettori opposto, Antonov posto 4, D.Mazzone centrale, Colaci e Balaso liberi,per la ricezione il primo, in difesa il patavino.
 L’Olanda di Vermeulen parte con van Haarlem in regia, van Dijk opposto, Diefenbach e Koelewijn in posto 3, ter Horst e Andringa schiacciatori, Sparidans libero.
 
ANALISI – Nel complesso incoraggiante la prova di Mazzone autore di 14 punti (con 5 muri), top scorer dell’incontro seguito da Vettori con 13. Italia superiore anche a muro (7 a 6) e in ricezione (52% contro il 32% degli avversari). Non brillantissima la fase in attacco (46%), ma come detto questo è bastato per avere ragione degli uomini di Vermeulen.
 
LA PARTITA – Azzurri subito avanti nel primo set (0-1, 6-8, 7-10) fino al ritorno degli “Orange” che forzano al servizio e trovano il 10-10 con muro a 3 su Lanza. Padroni di casa che trovano il momentaneo vantaggio sul 15-14 e 16-15 (battuta in rete di vettori). Italia che torna avanti sino al 19-22. Lanza – dopo un buon lavoro difensivo azzurro – scaglia fuori il pallone del possibile +4, ma i padroni di casa bissano l’errore azzurro. Una pipe di Lanza chiude il set 21-25.
 
Squadra che vince (e che sarà certamente quella titolare all’Europeo) non si cambia. Blengini ripropone gli stessi 8 (doppio libero) e l’Italia parte con uno 0-4. Vantaggio che gli azzurri mantengono sino al 12-16. Poi sale in cattedra il muro azzurro che fa un uno/due per il +6 (14-20) fino all’agevole 16-25 finale.
 
Italia a condurre le danze anche in avvio di terzo set, fino al 13-13 propiziato da un brutto appoggio difensivo in bagheri di Piano. Vettori si fa murare il possibile +4 (16-20), si resta così con l’Olanda attaccata a -2 (17-19). Uno-due azzurro, un primo colpo che è un cioccolatino di Giannelli, ed è nuovamente +4: 17-21. Azzurri sul 21-24 prima di subire il 23-24. Vettori chiude al terzo mach ball 23-25.
 
A seguire le due nazionali hanno disputato un quarto set. Azzurri rivoluzionati con Spirito in regia, Sabbi opposto, Botto – Randazzo in posto 4, Buti e Ricci al centro, Balaso libero.