Verso l’Europeo: L’Italia bissa il successo sulla Finlandia. Blengini: “Siamo in linea con il nostro programma”

AMICHEVOLE
ITALIA-FINLANDIA 3-0
(25-23, 25-20, 25-15)
ITALIA: Russo 4, Giannelli 3, Juantorena 6, Anzani 5, Zaytsev 9, Lanza 10; Colaci (L), Candellaro 2, Balaso (L), Piano 1, Antonov 3, Nelli 11, Cavuto 4. Ne: Sbertoli, Lavia. All. Blengini.
FINLANDIA: Siltala 4, Siirila1, Sivula 15, Ronkainen 8, Kaurto 9, Tervaportti 1; Kerminen (L), Suihkonen 1, Krastins, Sinkkonen 1, Lankinen. Ne: Ivanov, Kaislasalo, Porkka. All. Banks.
ARBITRI: Dominga Lot e Massimo Florian.
DURATA SET: 26’, 28’, 23’
ITALIA: 5 a, 12 bs, 10 mv, 18 et.
FINLANDIA: 3 a, 11 bs, 9 mv, 17 et.

CAVALESE – Successo per l’Italia che vince anche la seconda amichevole in programma a Cavalese battendo la Finlandia 3-0 (25-23, 25-20, 25-15) e aggiudicandosi anche il set supplementare giocato al termine della gara (25-22).

Fino a sabato gli azzurri saranno in collegiale nella Val di Fiemme, mentre lunedì partiranno alla volta di Montpellier dove affronteranno la prima fase dei Campionati Europei in programma dal 12 al 29 settembre.

SESTETTI – Per questo secondo test match i due coach operano qualche cambio in avvio di gara. Il ct Gianlorenzo Blengini sceglie di affidarsi a Russo, Giannelli, Juantorena, Anzani, Zaytsev, Lanza e al libero Colaci. Coach Joel Banks schiera Siltala, Siirila, Sivula, Ronkainen, Kaurto, Tervaportti e il libero Kerminen.

CRONACA – Parte subito col piede giusto l’Italia che si porta in vantaggio (3-0) e mantiene a distanza gli avversari (9-6). L’efficienza in attacco degli azzurri vale un ulteriore allungo sul +5 (13-8) e coach Banks chiama il time out. Lo stop al tempo rimette ordine alla manovra finlandese. Tervaportti e compagni accorciano le distanze e si riavvicinano: l’ace di Kaurto vale il -1 (15-14). Un mani fuori di Lanza ridà slancio alla manovra azzurra e i ragazzi di Blengini ricominciano a mettere in campo buon gioco e a collezionare punti (19-16). Ponta la reazione avversaria: un muro vincente riporta i ragazzi di coach Banks sul pari (19-19). Decisiva l’ultima accelerazione degli azzurri che tornano in vantaggio (23-20) e chiudono con un attacco di Lanza (25-23).

Avvio decisamente equilibrato nel secondo set. Le due formazioni si equivalgono e si procede punto a punto (4-4). Un pallonetto di Giannelli vale il +2 (9-7) ma la Finlandia non lascia spazio di manovra e pareggia i conti: un muro ben piazzato vale l’11-11. Fuori Zaytsev dentro Nelli. L’Italia ritrova efficacia di gioco e tiene a distanza gli avversari: l’ace di Juantorena vale il 21-18, un attacco vincente di Lanza il 23-19, un muro azzurro perfettamente piazzato al temine di uno scambio rocambolesco chiude il secondo set 25-20. 

Per la terza frazione il ct Blengini sceglie di cambiare sestetto e schiera Piano, Giannelli, Cavuto, Candellaro, Nelli, Antonov e il libero Balaso. Cambia la formazione ma il risultato non cambia: gli azzurri si portano subito in vantaggio (3-1) e allungano il passo (9-6). Tre ace consecutivi di Nelli siglano l’accelerazione decisiva per l’Italia (18-12). La Finlandia non reagisce e concentrazione, precisione e buon gioco permettono agli azzurri di chiudere agevolmente set e partita (25-15).

HANNO DETTO 
GIANLORENZO BLENGINI: “E’ stato importante giocare due amichevoli prima dell’Europeo. Durante la competizione sarà fondamentale approcciare le partite con la stessa eccitazione con cui abbiamo disputato il test match di ieri e non come fatto oggi. L’Europeo è una competizione difficile, lungo e complicato e per andare lontano bisogna essere perfettamente attrezzati sia dal punto di vista tecnico che da quello fisico e mentale. La preparazione è stata ultimata nel migliore dei modi e siamo in linea con il nostro programma sia per quanto riguarda il lavoro sia per quanto concerne la preparazione degli atleti. Ho preso dei rischi a inizio stagione con un riposo lungo lungo per alcuni giocatori. Lo stesso ho fatto con qualche giorno di pausa dopo la qualificazione olimpica. I ragazzi sono stati bravi a lavorare ugualmente durante le pause e hanno dimostrato di stare bene fisicamente, anche se non sarà sufficiente solo la condizione fisica ma bisogna puntare su molteplici fattori. Per quanto riguarda la World Cup mi piacerebbe riuscire a dare maggiore spazio a chi ha giocato un po’ di meno, ma ancora è necessario fare delle valutazioni prima di scegliere il gruppo che verrà in Giappone”. 

Sostieni Volleyball.it