Vetrina rosa: I più e i meno della 1. giornata. L’Inno che divide… Premi a Treviso. Brescia cecchina con 12 ace

Pisani new-entry nella squadra di Raisport. I Numeri della prima giornata. Le squadre fiorentine vincono i primi tie-break. "E Diouf cheffà???"

MODENA – Le curiosità della 1. giornata dai campi del massimo campionato in rosa.

FESTA PRE-PARTITA A TREVISO – La partita inaugurale della nuova stagione tra Imoco e Saugella apre tra la premiazione del Miglior Pubblico del campionato scorso e la cerimonia dello stendardo-scudetto, oltre ai riconoscimenti per l’ex-giocatrice Danesi e per Paola Egonu come Miglior Realizzatrice (sempre dell’anno passato),  premiata dalla presidente della Vero Volley, nonché vice di lega, Alessandra Marzari (che in estate aveva provato a portare l’opposta azzurra a Monza). Importante e commovente l’applauso riservato a Miguel Angel Falasca, ex-giocatore ed ex-allenatore delle monzesi, scomparso prematuramente la scorsa estate.

NOVITÀ INNO DI LEGA – “È stato presentato ufficialmente oggi, giovedì 4 ottobre, l’inno della Serie A di Pallavolo Femminile. La partita di vollèy è il titolo del brano che sarà suonato in tutti i palazzetti italiani, all’inizio di ogni partita di Campionato e degli Eventi di Serie A1 e Serie A2” Questo quanto recita il comunicato di lega, ma già la canzone divide i tifosi, non convincendo del tutto nemmeno i fans del gruppo “Elio e le Storie Tese”, autori del brano in questione. (Sondaggio… L’inno vi piace?)

PRIME “MARATONE” PER LE TOSCANE – Le prime partite terminate al tie-break della nuova stagione hanno entrambe visto vincenti le 2 squadre fiorentine. In particolare la vittoria di Scandicci porta con sé un interessante dato statistico: con 2 ore e 28 minuti di gioco, la gara contro Casalmaggiore è la seconda più lunga della storia della Serie A1 femminile.

I NUMERI della 1^ GIORNATA – Vittorie in Casa: 5; Vittorie in Trasferta: 2; Anticipi: 1; Partita più Lunga: 148 minuti; Partita più Corta: 84 minuti; Punti totali realizzati: 972; Ace totali realizzati: 56; Muri totali realizzati: 129.

I PRIMI MURI – Le migliori realizzatrici a muro in questa prima giornata vedono spiccare Fahr e Folie con 6 per ognuna, ma se la prima impiega 5 set per metterli a segno, alla seconda ne sono bastano solo 3. Se guardiamo invece i muri complessivi di squadra, chi fa più “male” è la Savino del Bene con ben 19 stop (la migliore Stevanovic con 5 personali).

PIÙ ERRORI, MENO ERRORI – In questo avvio sono stati 26 gli errori commessi sia dalla squadra meno fallosa che dalla più “sbagliona”: chi ha regalato meno è stata Busto Arsizio, che su 5 set, raggiunge la media di 5,2 errori; chi ha sprecato di più invece è Bergamo che tocca la media di 8,6 errori (3 i set totali).

AVVIO IN SALITA PER BICI – Avvio travagliato per il nuovo acquisto bustocco, in campo in questa prima giornata in attesa dell’arrivo di Lowe. Lavarini spesso la deve sostituire con Villani (usata un po’ come “Jolly”, essendo il suo ruolo primario, quello di schiacciatrice-ricevitrice). Scampoli di partita, sempre per sostituire Bici, sul finire di 4° set anche per Giulia Bonifacio, sorella della centrale Sara. L’opposta albanese purtroppo non chiuderà al meglio la maratona di 5 set, il dato più rilevante è il -6 nella statistica dei punti Vinti-Persi.

“BRESCIACE” – Partenza importante (in chiave salvezza) per Brescia, la quale ha cambiato molto tra le sue fila, “depredata” da club più danarosi del campionato, di molte delle sue stelline della stagione passata. Contro Caserta è stata una pioggia di ace, 12 per la precisione, di cui 5 della sola Rivero. Molto bene anche l’efficienza in attacco al 47%, la più alta della prima giornata; sicuramente i 29 punti di Mingardi (Top Scorer di giornata – foto) hanno fatto da traino al buon rendimento di squadra nel fondamentale.

 BUONA LA PRIMA PER PISANI – Una ventata di novità e freschezza, molto gradevole, l’innesto di Pisani nel team dei telecronisti di Raisport. Dispiace comunque per il bravissimo Claudio Galli, che invece è stato “estromesso” (senza ben capirne la motivazione..), dividendo di fatto il duo “Fantagalli” che formava ormai da anni con Fantasia. Speriamo che almeno per gli eventi maggiori dei campionati maschile e femminile, venga richiamato come super-ospite.

DIOUF SÌ, NO, FORSE – Nel giro di 24 ore si sono susseguite voci su voci (verificate o solo titolo acchiappa click?), sul possibile arrivo di Diouf a Novara (come possibile sostituta di Brakocevic-Canzian ancora in convalescenza da operazione al ginocchio e di incerto recupero), la quale attualmente ha ancora un contratto in essere col suo club in Corea del Sud. Ogni tanto sarebbe il silenzio, per evitare di creare casi inesistenti.

Sostieni Volleyball.it