VNL: 6° giornata. Il Brasile rimonta gli Usa nel big-match. Tonfi per Polonia e Francia

2064
Vittoria in rimonta per il Brasile

MODENA – In attesa di Argentina – Italia si sono giocate le altre 7 partite della 6° giornata della VNL maschile.

Gli organici – la classifica – Il calendario – Top scorer

Pool 5 (a Sofia)
Serbia – Australia 3-2 (25-23, 25-19, 20-25, 25-27, 15-9) – il tabellino
La Serbia chiude la pool di Sofia (affrontata senza i perugini Atanasijevic e Podrascanin) con la terza vittoria al tie-break in 3 partite. Grbic ha inizialmente lasciato in panchina Luburic (prima da titolare per Petkovic), Lisinac ed Ivovic, ma poi li ha messi in campo nel finale di partita per arginare l’inattesa rimonta dell’Australia. Per il team di Lebedew resta comunque un risultato positivo ed oltretutto ottenuto dando spazio a chi finora aveva giocato meno.

Bulgaria – Russia 0-3 (17-25, 15-25, 21-25) – il tabellino
La Bulgaria chiude la pool casalinga senza vittorie e con un solo punto all’attivo frutto del 2-3 con la Serbia. Netto lo 0-3 rimediato oggi contro la Russia i cui migliori realizzatori sono stati Kliuka e Muserskiy.
I problemi della Bulgaria non sono solo nei risultati, ma anche a livello di infortuni: dopo Sokolov e Todorov (out anche per i Mondiali) si è aggravata la situazione di Nikolay Nikolov (out per tutta la Nations League) e si sono fermati anche Boyan Yordanov (che comunque viaggerà con la squadra nel terzo week-end) e Georgi Bratoev che ha rimediato una distorsione alla caviglia nel match con l’Australia (1 mese e mezzo di stop).

Pool 6 (a Goiania)
Korea – Giappone 2-3 (29-27, 19-25, 25-16, 26-28, 12-15) – il tabellino
La Korea arriva ad un passo dalla sua prima vittoria nella VNL, ma alla fine la spunta il Giappone grazie alle forze fresche inserite nel 4° set (5 cambi) e ad un Fukuzawa decisivo nel 5° set.

Brasile – Usa 3-2 (21-25, 20-25, 25-19, 25-20, 20-18) – il tabellino
Iniziato con circa mezz’ora di ritardo per il protarsi dell’incontro precedente il big-match di giornata non ha tradito le attese regalando emozioni per quasi 3 ore di gioco. Dopo aver inserito William e Isac al posto di Bruno e Mauricio Souza nel corso del 2° set, il Brasile riesce a rimontare dallo 0-2. Nel tie-break gli Usa provano ad arginare la rimonta spostando Anderson in banda al posto di Russell ed inserendo Patch opposto (5 su 5 in att., ma anche un errore in battuta sul primo match-point per l’ex-Vibo). A partire meglio è il Brasile (7-4), ma gli Usa rimontano e sorpassano. Patch conquista la prima palla match (13-14), una papera clamorosa di Bruno (brevemente rientrato per il doppio cambio) che non trova Lucas regala la seconda (14-15), ma il Brasile si salva altre 2 volte (15-15 e 16-16), torna avanti (17-16) ed infine chiude con un ace di Isac: 20-18.

Pool 7 (a San Juan)
Iran – Canada 1-3 (23-25, 22-25, 25-21, 21-25) – il tabellino
Avanti 0-2 nei set e poi anche 2-9 e 10-14 nel terzo il Canada rischia di gettare la partita alle ortiche con l’Iran (rivitalizzato dagli inserimenti di Ghaemi, Sharifi e Faezi) che sul 20-19 del 4° set sente profumo di tie-break. Un controbreak di 4 punti consecutivi (20-23) e l’ultimo punto di Sclater chiudono però il week-end perfetto del Canada (3 vittorie).

Pool 8 (a Lodz)
Polonia – Germania 1-3 (18-25, 21-25, 25-21, 25-27) – il tabellino
Dopo 5 vittorie da 3 punti arriva a sorpresa il primo stop della Polonia a cui non bastano i 21 punti di Kubiak. La Germania di Giani gioca una delle sue migliori partite sfoggiando un muro granitico ed alla fine resiste al tentativo di rimonta polacco rimontando dal 20-17 nel 4° set chiuso da un ace fortunoso di Kampa.

Francia – Cina 2-3 (25-16, 22-25, 21-25, 25-16, 13-15) – il tabellino
Anche la seconda partita dell’ultima giornata della Pool di Lodz regala una sorpresa con la clamorosa sconfitta di una fallosa Francia contro la Cina dell’ottimo Jiang Chuan.

Sostieni Volleyball.it