1° GIORNATA 
POLONIA – ITALIA 2-3 (15-25, 22-25, 25-18, 25-21, 15-17) – il tabellino

Tutti i risultatiClassifica Seconda giornata 

OPOLE – All’esordio nella Volleyball Nations League femminile 2019 la nazionale italiana ha battuto 3-2 (25-15, 25-22, 18-25, 21-25, 17-15) le padrone di casa della Polonia.

Molto convincente la prestazione delle ragazze di Davide Mazzanti nei primi due set, le azzurre sono entrate in campo con l’atteggiamento giusto e hanno tenuto sempre alta la concentrazione, concedendo poco o niente alle avversarie.

Dal terzo in poi è stata la Polonia a dettare il ritmo, approfittando di diversi passaggi a vuoto delle vice campionesse mondiali, costrette sempre a inseguire le avversarie.
La logica conseguenza è stato il prolungarsi della gara al quinto set, nel quale la nazionale tricolore ha aggredito sin dall’inizio le biancorosse e dopo un finale molto tirato, ricco di emozioni, si è andata a prendere la meritata vittoria.

Tra le fila italiane Indre Sorokaite ha confermato le buone cose fatte vedere nel torneo di Montreux. Prezioso il contributo di Lucia Bosetti, determinante anche a muro, così come di Sarah Fahr: ottime le sue percentuali in attacco.

Con quella di stasera, sommata alle otto della scorsa edizione, sono salite a nove le vittorie consecutive nella Volleyball Nations League per le ragazze di Davide Mazzanti.

Domani le azzurre torneranno in campo alle ore 17.30 per affrontare la Thailandia, oggi vincitrice 3-0 (26-24, 25-19, 25-22) sulla Germania.

PRECEDENTI – In totale i precedenti tra Italia e Thailandia sono 18 con un bilancio per le azzurre d 15 vittorie e 3 sconfitte.

SESTETTO – Nel match serale il ct azzurro ha schierato come formazione iniziale: Malinov in palleggio, opposto Sorokaite, schiacciatrici Bosetti e Pietrini, centrali Fahr e Alberti, libero Parrocchiale.

LA GARA – Nel primo set l’Italia è subito partita forte, Indre Sorokaite ha guidato l’attacco azzurro, mentre la Polonia ha provato a rispondere con Smarzek (12-9). Azione dopo azione la nazionale tricolore ha aumentato il ritmo, evidenza Fahr e Bosetti, mettendo in grossa difficoltà le padrone di casa (15-10). Il ct polacco si è giocato anche la carta Wolosz, ma le ragazze di Mazzanti non hanno mollato la presa (bene il muro) e si sono involate verso un perentorio (25-15).

Più equilibrata la seconda frazione, le vice campionesse mondiali hanno tentato più volte di prendere il comando, ma la Polonia è rimasta a contatto (7-7). Il servizio azzurro ha creato diversi problemi alle padrone di casa, mentre l’attacco non è stato così preciso come nel primo set (14-11). Le due squadre hanno viaggiato appaiate sino al (16-16), momento in cui l’Italia ha trovato un buon break (19-17), vanificato dall’efficace fase a muro delle polacche (19-19). La parità è stata rotta ancora dall’Italia, un’ispirata Sorokaite ha spinto avanti le compagne e al resto ci ha pensato il muro tricolore, 2 quelli a firma Lucia Bosetti (25-22).

Diverso il copione del terzo set, l’Italia è calata di ritmo e ha commesso diversi errori, permettendo alla Polonia di allungare (12-15). Le azzurre hanno perso brillantezza in attacco, al contrario della formazione di casa che ha sfruttato il momento favorevole (13-17). Nel finale le vice campionesse mondiali hanno perso ulteriore terreno, dovendo cedere (18-25).

Motivata dal parziale vinto, la Polonia al rientro in campo ha spinto subito sull’acceleratore e l’Italia ha accusato il colpo (4-7). Le azzurre hanno faticato a trovare ritmo e così le avversarie ne hanno approfittato per guadagnare un vantaggio consistente (12-17). La nazionale tricolore, dentro Villani per Pietrini, ha dato segnali di ripresa, senza tuttavia riuscire a riaprire il set (21-25).

La scossa azzurra è arrivata nel tie-break, dopo poche azioni le ragazze di Mazzanti hanno allungato in maniera decisa (5-1), ma la Polonia non si è arresa e prontamente ha cancellato il gap (8-8).

Il finale è stato caratterizzato da un serrato botta e risposta, al termine del quale le azzurre l’hanno spuntata al terzo match-point (17-15).