VNL F.: Vincono gli Usa, ma la Turchia si arrende solo al tie-break

Primo posto per gli Usa

Final Six: Finale 1°-2° posto
Tuchia – Usa 2-3 (25-17, 22-25, 28-26, 15-25, 7-15) – il tabellino

NANCHINO – Dopo aver vinto il Grand Prix per 6 volte (l’ultima nel 2015) gli Usa mettono in bacheca anche la prima edizione della Volleyball Nations League, ma anche in finale la Turchia di Guidetti, protagonista di uno splendido torneo, ha venduto cara la pelle portandosi in vantaggio 2-1 prima di crollare negli ultimi 2 set.

PIU’ E MENO – Il servizio e il muro della Turchia mette grande pressione agli Usa con Kiraly che è costretto a rivedere il piano partita prima inserendo Hill per una Bartsch in difficoltà in ricezione (dal 2° set) e poi reinserendo il neoacquisto di Novara da opposto al posto della spenta Murphy. Nonostante un nuovo passaggio a vuoto nel cuore dal 3° set, la mossa alla lunga paga e sono proprio i 3 martelli statunitensi a confezionare il successo con 20 punti di Hill (46% in att.), 18 di Bartsch (36% in att.) e 15 di Larson (40% in att.). Nella Turchia le migliori sono Boz (20 punti e 44% in att.) ed Erdem (20 punti, 50% in att., 3 muri e 3 ace) e piace anche l’emergente Gunes (4 muri e 2 ace), ma nel finale di partita trovano meno assistenza dalle compagne e gli Usa dilagano.

Larson con il trofeo
Larson con il trofeo

I SESTETTI – Kiraly parte ancora con Lloyd-Murphy; Bartsch-Larson, Dixon-Akinradewo e Robinson; Guidetti pure conferma il sestetto della semifinale con Ozbay-Boz; Ismailoglu-Baladin; Erdem-Gunes ed Akoz.

tur_usa_finale

LA PARTITA
1° set: Parte forte la Turchia che prima mette in difficoltà Bartsch in ricezione e poi arriva sul 4-1. Gli Usa pareggiano già sul 6-6 con 2 punti consecutivi di Bartsch, ma dal 9-9 la Turchia riallunga: contrattacco di Boz (11-9), ace di Gunes su Bartsch (12-9), contrattacco di Baladin (14-10), ace di Boz su Bartsch (15-10), errore di Bartsch (16-10). Gli Usa non vanno oltre il -3 (17-14) poi si giocano la carta del doppio cambio, ma non serve perché la ricezione torna a fare acque e la Turchia riallunga sino al 23-15 per poi chiudere 25-17 con Boz.

2° set: Si riparte con Hill al posto di Bartsch, ma la Turchia resta ad alti livelli e prova 2 volte l’allungo (5-3 e 7-5). Larson pareggia (7-7) ed un ace di Hill porta avanti gli Usa (7-8). Baladin concede l’8-10, Akinradewo fa ace (8-11), Ismailoglu sbaglia (11-15) ed Hill firma il massimo vantaggio (11-16). La Turchia si riavvicina murano Akinradewo (15-18) e Larson (16-18), ma viene ricacciata indietro dal muro di Lloyd su Baladin (16-20) e da un ace di Akinradewo (16-21). Un contrattacco di Boz (18-21) ed un ace di Alikaya (appena entrata per il doppio cambio) lo riaprono: 20-22. Barstch, appena rientrata da opposta al posto di Murphy, fa il 20-23. Il 21-24 è di Dixon e chiude Hill 22-25.

3° set: Resta in campo Bartsch da opposta, ma sbaglia i primi 2 attacchi (2-0), Gunes mura Dixon (3-0) e la Turchia riesce a scappare 4-0. Gli Usa rosicchiano un solo break-point (4-2) prima del time-out tecnico (8-5), ma poi impattano già sul 9-9. Un ace di Erdem (11-9) apre una nuova fuga turca sino al 13-9 (errore di Bartsch). Bartsch (14-12) e Hill (14-13) riportano sotto gli Usa, ma il turno di battuta di Gunes rilancia la Turchia: contrattacco Boz (17-14), errore di Hill (18-14), contrattacco di Boz (19-14), ace di Gunes (20-14) errore di Akinradewo (21-14). Non basta però per chiudere il set perché dal 22-16 gli Usa risalgono clamorosamente sino al 22-22 (invasione di Ozbay). Un gran muro dà alla formazione di Kiraly il primo set-point (23-24), ma la Turchia ne annulla 3 (26-26) e si porta a casa il set con un ace di Ismailoglu su Robinson (27-26) ed un errore di Bartsch (28-26) dopo una doppia di Ozbay non sanzionata dagli arbitri.

4° set: La Turchia non approfitta della situazione e parte male ritrovandosi subito sotto 1-4 dopo un muro su Baladin e 2-6 sul contrattacco di Hill. La reazione turca frutta 2 ace di Erdem (6-7), poi gli Usa riprendono il largo: muro su Gunes (7-10), ace di Lloyd (7-11) errore di Ismailoglu (7-12). La Turchia prova a tornare sotto (10-12), ma Larson la ricaccia indietro con un ace (10-14). Distanze invariate sino al 13-17 (errore in battuta della neoentrata Ercan), poi gli Usa allungano definitivamente con 4 punti consecutivi (13-21) e chiudono con gli ace di Akinradewo (14-23) e Lloyd (15-25).

5° set: Baladin punisce la ricezione lunga di Larson (1-0) ed Ismailoglu trova un ace con l’aiuto del nastro (2-0), ma la Turchia poi non chiude più un pallone mentre Bartsch e Hill vanno a segno a ripetizione sino al 2-5. Un fallo in palleggio di Ozbay concede il 4-8. Bartsch (5-10) e Dixon (5-11) allungano ancora in contrattacco e non c’è più partita. Finisce 7-15 sull’errore in battuta di Alikaya che aveva sostituito Ozbay sul 5-10.

Bel 2° posto per la Turchia
Bel 2° posto per la Turchia

Sostieni Volleyball.it