VNL M.: Christenson e Holt tra Velasco, Stoytchev, Bruno e Modena

3091

di Vanni Gibertini

MODENA – Christenson e Holt, intervistati lontani da Modena (a Ottawa), prima della Pool modenese, hanno parlato del rispettivo volley mercato, del prossimo Mondiale a stelle e strisce e della Modena che verrà… Senza Bruno e Stoytchev ma con Velasco e… Christenson.

Chcristenson palleggioChristenson…

Il 2018 è l’anno del Mondiale in Italia. Sarà un Mondiale speciale per te? Sarà un Mondiale speciale per parecchi di noi. Siamo in diversi a giocare nel campionato italiano, saremo tutti molto contenti di giocare con la nostra nazionale in un Paese nel quale viviamo per la maggior parte dell’anno. I tifosi italiani sono sempre fantastici, per cui sarà un Mondiale davvero speciale”.

Alla fine del campionato italiano ci sono state parecchie voci a proposito del tuo futuro e dello “scambio” che ha coinvolto Bruno e te?  “Sì, credo anch’io ci siano state delle voci, mi sembra di averne sentite un paio…”

Sì, giusto un paio… Come hai vissuto il coinvolgimento in questa situazione? “Ho sempre cercato di andare in campo e giocare a pallavolo, indipendentemente da quello che si diceva fuori. Sono situazioni che non puoi controllare, e fortunatamente abbiamo la valvola di sfogo del campo, dove possiamo semplicemente concentrarci sulla partita. Siamo fortunati ad essere nella condizione di poter giocare questo sport meraviglioso da professionisti. Da un certo punto di vista è stato divertente sentire tutto ciò che veniva detto, ma bisogna comunque ricordarsi che, vere o no, queste voci circoleranno sempre, ma è quello che succede in campo che alla fine conta e che ci fa giocare a questo bellissimo sport.”

Ma in sostanza, cosa è successo prima della conclusione ufficiale della vicenda? “Non credo spetti a me raccontare ciò che è accaduto. Capisco la curiosità, ma credo ci siano persone più indicate di me per raccontare i fatti”.

Il prossimo anno quindi giocherai in una nuova squadra, dove ritroverai un tuo compagno di nazionale, e che sarà guidata da uno degli allenatori più vincenti della storia. Cosa sai di lui? Hai avuto occasione di parlargli? Non ho mai avuto occasione di lavorare con lui, ma ho sentito cose fantastiche sul suo conto, è una leggenda e non vedo l’ora di iniziare a giocare per lui. Sarà una nuova opportunità per me, la squadra è molto forte, la città è stupenda, con una grande storia di volley alle spalle: sono molto onorato di entrare a farne parte e speriamo di far bene nel campionato italiano”.

La scorsa stagione a Civitanova avete raggiunto cinque finali, ma vi è mancata la vittoria. Cos’è che vi ha impedito di fare l’ultimo passo? “Fa male arrivare sempre così vicini alla vittoria senza toccarla mai. Ogni finale è stata diversa: la finale di Champions League è stata diversa dalla finale Scudetto e dalla finale di Coppa Italia. In ognuna di queste occasioni non siamo stati bravi quanto avremmo dovuto. Certo, abbiamo lottato per tutta la stagione contro gli infortuni, ma questa non è una scusa: siamo riusciti ad arrivare in finale, siamo arrivati secondi in Champions League, nel Campionato, in Coppa Italia ed anche nel Mondiale per Club, ma la mancanza di vittorie lascia un sapore amaro in bocca che sprona a lavorare ancora più duro”.

Holt attacco Maxwell Holt…

Quest’anno i Mondiali si disputeranno in Italia: sarà un Mondiale speciale per te? “Certamente, sarà molto speciale! Ho passato in Italia la maggior parte della mia carriera, i tifosi sono tra i migliori al mondo, l’atmosfera sarà meravigliosa ed avrò la possibilità di giocare in quella che io considero la mia seconda casa”.

Sono ormai passate diverse settimane dalla conclusione della stagione dell’Azimut Modena, che ha vissuto un’annata piuttosto travagliata a causa dei contrasti tra la squadra e l’allenatore Stoychev. Che giudizio ti senti di dare a freddo di tutta la vicenda? “Il modo in cui si è conclusa la vicenda è qualcosa che non si vorrebbe mai vedere, tuttavia sono convinto che fosse la cosa giusta da fare: noi giocatori ci siamo schierati compatti ed abbiamo fatto ciò che dal nostro punto di vista era la cosa migliore per la società. È molto spiacevole che una stagione si sia conclusa in quel modo, ma sentivamo che la scelta fosse necessaria e sono certo che alla fine sia stato meglio così per la squadra e per il club”.

Il tuo contratto con Modena è valido fino al 2020, ma dopo la campagna acquisti della società rischia di esserci un po’ di affollamento al centro. Come vedi la tua prossima stagione? Considereresti anche un futuro lontano da Modena? Voglio restare a Modena il più a lungo possibile, adoro la società, il presidente, lo staff, i tifosi, sono sempre stati fantastici con me. Il club ovviamente ha fatto delle scelte per rafforzare la squadra e poter competere al massimo livello nel prossimo campionato che sarà ancora più duro di quello passato. Si tratterà di trovare la maniera di utilizzare tutte le pedine a disposizione”.

Cosa sai del nuovo allenatore di Modena? “So tante cose di Velasco, uno dei migliori allenatori di tutti i tempi. Ovviamente lui ha già una storia importante a Modena e non vedo l’ora di poter iniziare a lavorare con lui e con il resto della squadra per poter fare qualcosa di speciale insieme. Ho avuto l’occasione di parlargli brevemente in Cina durante questa manifestazione e mi ha detto “ci vediamo presto”.

Sostieni Volleyball.it