VNL M.: Italia ko con la Polonia. Non bastano i 25 punti di Nelli

2413

7° giornata
Italia – Polonia 2-3 (17-25 25-21 17-25 31-29 10-15) – il tabellino

Gli organicila classificaIl calendarioTop scorerBiglietteria Tappa di Modena

OSAKA – Terza sconfitta azzurra nella Volleyball Nations League 2018 sulla scia della Pool di San Juan…  Azzurri con Nelli opposto (25 punti per lui) e la coppia Lanza – Randazzo in posto 4, sempre ad inseguire 0-1, 1-2. Spazio a Parodi, quarto set più brillante fino al ritorno polacco che si vede però annullare 2 set ball e successo azzurro 31-29. Nel quinto parziale gara a strappi con i polacchi sempre avanti (6-3, 9-6) fino al 15-10.

Sicuramente c’è un po’ di rammarico per Giannelli e compagni, che partiti con qualche difficoltà, soprattutto in ricezione, si sono poi rimessi in carreggiata costringendo gli avversari agli straordinari. Per il gruppo azzurro, oltre al punto conquistato contro quella che prima dell’inizio del terzo round era la formazione leader della classifica, c’è anche la convinzione che in un torneo così lungo e difficile per tutti, c’è la possibilità di fare bene.

SESTETTI – L’Italia è scesa in campo con la diagonale Giannelli-Nelli, Lanza-Randazzo i martelli, Anzani-Mazzone i centrali e Rossini libero con la consueta alternanza con Balaso nella fase ricezione-difesa. Polonia dall’altra parte della rete schierata con Drzyzga in palleggio, Kaczmarek opposto, Szalpuk e Kwolek gli schiacciatori, Bieniek e Nowakowski i centrali con Zatorski libero.

LA PARTITA – Nel primo set in la Nazionale Italiana non è apparsa mai troppo ben dentro il match con i polacchi che hanno preso il comando della gara da subito. Lanza e compagni hanno avuto difficoltà in ricezione non riuscendo quasi mai a sviluppare buone trame d’attacco. Ciò che ne è scaturito è stato un parziale giocato sotto tono con Blengini che nel finale ha anche provato a cambiare la diagonale inserendo Spirito e Sabbi, ma senza riuscire a cambiare l’inerzia della gara.

Nel secondo le cose sono andate decisamente meglio con i ragazzi di Blengini che hanno mostrato notevoli progressi in tutti i fondamentali e riuscendo a sviluppare una buona trama offensiva dal centro con Mazzone molto spesso decisivo in primo tempo. Con lui bene anche Nelli che ha attaccato con una buona continuità dimostrandosi una spina nel fianco per i polacchi che invece non sono riusciti a esprimersi sui livelli del primo parziale. Molto positivo anche l’inserimento di Parodi al posto di Randazzo che ha compensato qualche difficoltà di troppo accusata nel finale.

Terzo parziale che ha nuovamente proposto una buona Polonia con l’Italia invece ancora una volta parecchio imprecisa. Come nel primo set Blengini ha proposto il doppio cambio Spirito-Sabbi, ma al di là dei tentativi effettuati, gli azzurri, apparsi nuovamente in difficoltà, non sono riusciti ad ostacolare la corsa dei loro avversari che hanno così chiuso con un nuovo 25-17 portandosi ancora in vantaggio.

Nonostante il negativo andamento del set precedente, nel quarto gli uomini di Blengini sono di nuovo entrati in campo convinti di poter rimettere le cose a posto e di fatti sono riusciti ad accumulare un buon margine di vantaggio dilapidato però a causa di un lungo turno al servizio di Szalpuk in grado di mettere in grossa difficoltà la ricezione italiana. Nel momento in cui le squadre si sono trovate sul 20-20 è cominciata una lunga battaglia giocata palla su palla. Ciò che ne è scaturito è stato un finale di parziale davvero avvincente con Giannelli e compagni che son riusciti a portare la gara al tie-break grazie al 31-29 conclusivo alla quinta palla set e dopo aver annullato due palle match in favore dei polacchi.

Ultimo e conclusivo set con le squadre intenzionate a non cedere. Dopo un buon avvio polacco l’Italia si è rifatta sotto (6-6) anche se con il passare dei minuti gli uomini di Heynen sono riusciti progressivamente ad accumulare e gestire un vantaggio rivelatosi poi decisivo per il prosieguo del parziale e quindi per la conclusione della gara.

Domani gli azzurri alle ore 5.40 italiane se la vedono con la Bulgaria.

Mug #iotifoazzurro

 

Sostieni Volleyball.it