VNL: Si avvicina la Nations League. Le convocazioni azzurre per il secondo raduno

180

RIMINI – Il prossimo 25 giugno sapremo quale fra le sedici squadre partecipanti sarà la vincitrice dell’edizione della Nations League di pallavolo femminile. Sarà quello il giorno della finalissima, partita che si terrà a Rimini così come tutta la manifestazione con fischio d’inizio il 25 maggio. In vista delle prime tre gare con Polonia, Turchia e Serbia, ci sono già le convocate da parte di mister Mazzanti, ma alcune di queste atlete si aggregheranno al gruppo azzurro più tardi. Ottimo test anche in vista delle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020, dove il CT è deciso a portare con sé tre centrali.

Le convocate dal CT Mazzanti per il raduno di Cavalese in Val di Fiemme
La formula della Volley Nations League 2021 prevede un calendario molto intenso che porterà le migliori quattro della classifica generale a disputare semifinali e finali nella bolla di Rimini. Come confermano statistiche di esperti e tecnici e le quote dei siti di scommesse, come Betway Sports al 6 maggio 2021, fra le favorite c’è sicuramente la Cina, la cui vittoria è quotata a 1,45, seguita dagli Stati Uniti, mentre l’Italia potrebbe essere invece l’outsider della manifestazione, considerando anche che disputerà il torneo in casa. Le convocazioni di Mazzanti per il raduno di maggio vedono arrivare in azzurro atlete di 10 club diversi, ma alcune delle giocatrici si aggregheranno al gruppo soltanto una settimana dopo le altre: stiamo parlando di Sarah Fahr, Giulia Gennari e Loveth Omoruyi della Imoco Conegliano, fresca campione d’Europa, assieme ad Anna Danesi, Alessia Orro, Beatrice Parrocchiale e Federica Squarcini della Saugella Monza. Ventitré le atlete in totale a Cavalese in Val di Fiemme, convocazione che può dire tanto anche in vista di quelle che saranno le giocatrici selezionate da Mazzanti per partecipare all’olimpiade giapponese del prossimo luglio a Tokyo. Il gruppo azzurro, oltre alle sette atlete già citate che prenderanno parte al raduno con una settimana di ritardo, si completa con la presenza di Ilaria Battistoni, Francesca Bosio, Chiara De Bortoli, Alessia Mazzaro, Sofia D’Odorico, Eleonora Furlan, Giulia Melli, Eleonora Fersino, Anastasia Guerra, Sylvia Nwakalor, Marina Lubian, Ofelia Malinov, Elena Pietrini, Alessia Gennari e Camilla Mingardi. Non ci saranno diverse big come Paola Egonu e Monica De Gennaro, che subentreranno a manifestazione in corso.

Il calendario delle azzurre nel debutto di Polonia, Turchia e Serbia
Diciamocela tutta, 15 partite sono tante, e le risorse vanno gestite e massimizzate, in particolare con il caldo in aumento e i Giochi Olimpici a meno di due mesi di distanza, ma questo è un discorso che vale per tutte e sedici le nazionali che parteciperanno alla Nations League a Rimini. Importante è dunque vedere quali possono essere i match più insidiosi per le azzurre di Mazzanti sul proprio cammino, a partire dall’analizzare quando incontreremo le prime tre squadre del ranking FIVB: Cina, Stati Uniti e Brasile. Archiviato il primo turno in cui la nazionale italiana sarà impegnata con Polonia, Turchia e Serbia, l’Italia incontrerà il Brasile, terzo nel ranking mondiale, al secondo turno, gli Stati Uniti nel terzo turno a giusto una settimana di distanza e a seguire a stretto giro ci sarà la Cina. Sono questi i tre incontri, fra fine maggio e inizio giugno, che diranno tanto sia sullo stato di forma del volley italiano, sia sulle possibili convocate che prenderanno parte alla spedizione di Tokyo 2020, dove l’Italvolley femminile esordirà contro la Russia il 25 luglio per la prima gara dell’Italia nel pool B. Il girone dell’Italia ai Giochi Olimpici è particolarmente duro, con ancora Cina e Stati Uniti sul cammino azzurro, ma l’Italia è squadra con la giusta maturazione, e l’argento ai Mondiali scorsi ne è la riprova.

A Mazzanti non mancano l’entusiasmo e le idee per le Olimpiadi asiatiche, e non ha fatto segreto di voler portare nel proprio roster per la manifestazione olimpica tre centrali, sicuramente non per sopperire a una carenza di qualità, bensì per mettere a punto schemi e situazioni di gioco al meglio, massimizzando le caratteristiche dei singoli e del gruppo. Non abbiamo ovviamente dimenticato la nazionale italiana maschile guidata da Blengini, che sarà sempre in quel di Rimini, contestualmente con le ragazze di Mazzanti, impegnata a partecipare alla Nations League di categoria, ma nel caso della finale uomini la data da tenere in considerazione è il 27 di giugno, due giorni dopo quella femminile.

Sostieni Volleyball.it