World Grand Prix: Azzurre sconfitte dalla Serbia. Domani la semifinale

3611

Pool K: 3° giornata (4 agosto)
SERBIA – ITALIA 3-1
(25-18 25-19 16-25 27-25) – il tabellino  – Rivedi la partita

NANCHINO – Il Ct azzurro Davide Mazzanti, certo della qualificazione alle semifinali, dopo una lunga serie di gare senza respiro, nella sfida per il 1° posto della Pool K contro la Serbia vice campione olimpica, mescola le carte e cede la sfida alla Serbia in quattro set, non senza aver lottato nel quarto parziale e accarezzato la possibilità di arrivare al quinto set. 

Domani alle ore 14 italiane (non alle 9 come inizialmente scritto, causa esigenze televisive della Cina, avversario abbinato all’Italia), diretta streaming su Volleyball.Movie, le azzurre – seconde della Pool – scenderanno in campo per la semifinale contro la vincente della Pool J con Cina o Olanda.

I SESTETTI – A riposo De Gennaro, Folie, Egonu, Chirichella e con Caterina Bosetti in campo titolare solo nel 4° set, le azzurre scese in campo con Malinov in regia, Sorokaite opposta (22 piunti per lei), Loda e Sylla in posto 4, Bonifacio e Danesi al centro, Parrocchiale libero. Per Beatrice Parrocchiale la partita di oggi ha segnato l’esordio assoluto nel World Grand Prix. Rimescola le carte anche Terzic che concede un turno di riposo al bomber Mihajlovic e parte con Zivkovic-Boskovic, Milenkovic-Malesevic, Rasic-Veljkovic e Pusic libero. Nel corso del match ampio spazio per Antonijevic (titolare dal 3° set), Bjelica (titolare nel 4°), Stevanovic (titolare dal 3° set), Blagojevic (già nel corso del 2° set al posto di Pusic) e Busa (al posto di Malesevic da metà 3° set).

LA GARA – Le azzurre nei primi due set non sono riuscite a reggere il ritmo delle avversarie, sempre in pieno controllo del gioco. Nella terza frazione si è vista un’Italia diversa, capace di mettere in grossa difficoltà la squadra serba e imporre la propria pallavolo. Combattuto il quarto set con le due squadre che si sono date battaglia, prima dell’allungo decisivo firmato dalla Serbia.

Sin dall’inizio l’Italia ha faticato a contenere la potenza offensiva delle avversarie, capaci di guadagnare subito un buon vantaggio. Le azzurre non sono mai riuscite a trovare il proprio ritmo e neanche l’ingresso di Loda per Sylla ha cambiato le sorti del set, vinto di forza dalla Serbia (18-25).

Nella seconda frazione il copione non è cambiato, Malinov e compagne hanno dovuto subire il gioco serbo, con l’attacco azzurro che ha accusato diversi passaggi a vuoto. Trascinate dall’opposto Boskovic, le vice-campionesse olimpiche hanno amministrato con autorità il vantaggio, respingendo ogni tentativo di rimonta italiano (19-25).

La reazione azzurra è arrivata nel terzo parziale, grazie al servizio di Loda e agli attacchi di Sorokaite l’Italia ha staccato nettamente le avversarie (13-6). Le serbe hanno tentato di ricucire, ma le ragazze di Mazzanti hanno sempre tenuto alto il ritmo e con un’ottima Lucia Bosetti hanno dominato la frazione (25-16).

Il quarto set, con Caterina Bosetti al posto di Lucia, ha visto le due squadre restare a contatto sino al (10-9). Due aces consecutivi di Sorokaite hanno permesso all’Italia di allungare, ma la Serbia ha prontamente replicato. Le azzurre con grande ostinazione si sono sempre mantenute al comando, facendo scivolare indietro le avversarie (22-18). Nel momento di chiudere, però le ragazze di Mazzanti si sono bloccate ed hanno ceduto (25-27), dopo aver annullato tre match point.

Sostieni Volleyball.it