World League: Ngapeth monstre. Vince la Francia al tie-break

Secondo titolo per i transalpini dopo quello del 2015. Il Brasile resta a quota 9. Ngapeth fa 29 punti e la difesa che gira la partita

6630
La Francia vince la WL come nel 2015. Ngapeth ancora trascinatore

Final Six: Finale 1°-2° posto (9 luglio)
Brasile – Francia 2-3 (25-21, 15-25, 23-25, 25-19, 13-15) – il tabellino

CURITIBA – Recuperando uno svantaggio di 7-4 e 11-9 nel tie-break la Francia beffa i padroni di casa e si aggiudica la World League 2017. Per i transalpini è il secondo titolo dopo quello del 2015, mentre il Brasile resta a quota 9 con l’ultimo titolo risalente all’ormai lontano 2010.

PIU’ E MENO – Partita monstre per Earvin Ngapeth che mette a referto 29 punti col 60% in att. (49% di eff.) e 3 muri oltre al punto decisivo che non va a referto: difesa su Wallace che cade imprendibile nell’angolino dell’altro per l’11 pari del tie-break. Per la Francia da citare tra i più sono anche il 63% in att. di Clevenot (lo schiacciatore di Piacenza viene schierato titolare al posto di Lyneel e mette anche a segno l’ultimo punto) ed i 4 muri di Le Roux protagonista anche al servizio con la serie che nel tie-break porta la Francia a condurre 11-13 dopo l’11-9 verdeoro. Nel Brasile bella partita per Lucarelli (55% in att.) e Wallace (46% in att.) entrambi a quota 22 punti, ma non bastano complice il -6% di eff. in att. di Mauricio Borges.

LA PARTITA – Brasile in campo col sestetto atteso, nella Francia come detto c’è Clevenot al posto di Lyneel. 1° set con pochi break-point: solo 2 per parte sino al 15-14, poi un liscio tra Toniutti e Le Roux regala il 16-14 al Brasile che allunga ulteriormente con un contrattacco di Wallace: 17-14. Boyer accorcia (17-16), ma Le Roux sbaglia (19-16), Mauricio Souza mura Ngapeth (23-19) e poi firma il 25-21 in attacco.
Completamente diverso è il 2° set con la Francia che allunga subito sul turno di battuta di Clevenot: muro di Ngapeth su Mauricio Borges (1-3), errore di Wallace (1-4), slash di Ngapeth su ricezione lunga di Thales Hoss (1-5). Ngapeth aggiunge un muro su Wallace (2-7), poi il Brasile rosicchia 2 break-point (6-8), ma torna a -5 dopo 2 muri consecutivi su Mauricio Borges: 7-12. La Francia tocca il +7 sul 9-16 e vince in scioltezza 15-25.
La Francia parte bene anche nel : Toniutti (3-5), Boyer (4-7) e 2 volte Ngapeth (5-9 e 5-10) firmano i break-point dell’allungo. Non ci sta il Brasile con Wallace che si accende e firma il 10-13. Dal 14-18 il Brasile torna sotto grazie ad un muro su Boyer (16-18) e ad un errore di Clevenot (17-18) e completa l’operazione con 2 grandi contrattacchi di Wallace: 20-20 (bell’alzata di Eder) e 21-20. Eder, inserito da poco per Mauricio Souza, però spara clamorosamente out il 21-22 ed al primo set-point Le Roux trova il muro decisivo su Wallace: 23-25.
Nel 4° set è confermato Eder mentre per la Francia torna Clevenot che era stato sostituito da Lyneel. Il Brasile allunga subito con Wallace (4-2), Bruno (6-3 con un muro su Ngapeth), Eder (7-3 con muro su Boyer e Lyneel che prende il posto di Clevenot) ed il contrattacco di Mauricio Borges (8-3). La Francia non va oltre il -2 (11-9), poi il Brasile riallunga con Wallace (13-9) e resta sempre tranquillamente in vantaggio. Nel finale Tillie fa rifiatare Toniutti e Boyer (dentro Brizard e Thibault Rossard) e fa rientrare Clevenot, ma il vantaggio del Brasile resta ampio ed Eder chiude sul 25-19.
Nel 5° set subito break-point del Brasile con Lucas che difende su Ngapeth e Lucarelli che capitalizza: 2-0. Altro break verdeoro quando Ngapeth non trova la deviazione del muro dopo scambio prolungato: 7-4. Un’invasione di Wallace su attacco da posto 4 (7-6) ed un muro di Le Roux su Mauricio Borges valgono la nuova parità: 7-7. Eder trova un muro su Boyer (10-8), ma sull’ottimo turno di battuta di Le Roux arrivano in sequenza la difesa punto di Ngapeth su Wallace (11-11), l’attacco out di Lucarelli (11-12) e lo slash di Chinenyeze su ricezione lunga (11-13). Il 12-14 è di Ngapeth, il 13-15 di Clevenot.

Sostieni Volleyball.it