Anderson contro il muro a 3 della Polonia – foto fivb.org
MODENA – Giocate quest’oggi 4 partite di World League.

Pool A
Brasile-Bulgaria 3-1 (24-26, 25-17, 25-20, 25-23)
Top Scorer: Vissotto 19, Lucarelli 14, Eder 10, Lucas 8; Aleksiev 15, Sokolov 14, Skrimov 11, Yosifov 11.
Dopo aver perso il 1° set ai vantaggi il Brasile riscatta il passo falso con la Francia e si riprende la vetta del girone scavalcando la Bulgaria di Placì.

Polonia-Usa 3-2 (25-22, 19-25, 13-25, 30-28, 18-16)
Top Scorer: Jarosz 21, Kurek 17, Winiarski 16, Nowakowski 10; Clark 24, Anderson 17, Holt 14, Ciarelli 13.
Nonostante una fase centrale del match da dimenticare la Polonia di Anastasi e Gardini si salva per il rotto della cuffia (2 match point annullati nel 4° set) e con il successo al tie-break resta in corsa per la qualificazione. Jarosz eletto MVP del match.

Pool B
Germania-Russia 2-3
(25-21, 25-18, 22-25, 16-25, 7-15)
Top Scorer: Kaliberda 18, Schops 16, Fromm 14, Bohme 10; Pavlov 29, Muserskiy 16, Spiridonov 12, Apalikov 11.
La Russia (Busato 2° all.) ritrova in sestetto Muserskiy dopo 3 week-end di assenza e nonostante un brutto avvio, con Zhilin in campo al posto di Sivozhelez, centra la rimonta in quel di Francoforte. La Germania cala alla distanza e nella seconda parte del match non trova più varchi nel muro russo. Sempre efficace Pavlov con i suoi 29 punti. Alla Russia mancano ora 2 punti da fare domani per chiudere il discorso qualificazione senza guardare agli altri risultati.

Pool C
Finlandia-Olanda 1-3 (25-23, 23-25, 23-25, 23-25)
Top Scorer: Mi.Oivanen 19, Kunnari 15, Siltala 9, Shumov 7; Klapwijk 25, Rauwerdink 15, Maan 15, Kooistra 11.
Trascinata dai 25 punti di Klapwijk l’Olanda strappa i 3 punti sul campo della Finlandia e resta in testa il girone. Se saprà ripetersi domani conquisterà la qualificazione alla Final Six, ma il traguardo potrebbe materializzarsi anche in anticipo in caso di passo falso canadese in Giappone.

Classifiche: Pool APool BPool C

Formula
Si qualificano alla Final Six le prime due della Pool A, le prime due della Pool B e la prima della Pool C oltre all’Argentina padrona di casa. Se l’Argentina entra nelle prime due della Pool A si qualificherà anche la 3° della Pool A.