Challenge Cup | 28 novembre 2023, 19:24

Challenge Cup F.: Akimova ne fa 31. Novara vince 3-2 in casa dell'Olympiacos

Challenge Cup F.: Akimova ne fa 31. Novara vince 3-2 in casa dell'Olympiacos

CHALLENGE CUP - OTTAVI DI ANDATA
Olympiacos SFP PIRAEUS - Igor Gorgonzola NOVARA 2-3
(20-25, 25-23, 23-25, 25-22, 6-15)
Olympiacos SFP PIRAEUS: Nizetich 16, Carraro 3, Emmanouilidou 7, Kubura 14, Farriol 8, Mlejnkova 22, Artakianou (L), Tsitsigianni 3, Tani. Non entrate: Konstantellou, Sampati (L), Lamprousi, Vlachaki, Zafeiriou. All. Micelli.
Igor Gorgonzola NOVARA: Szakmary 14, Bosio, Bosetti 8, Chirichella 18, Bonifacio 9, Akimova 31, Fersino (L), De Nardi, Buijs, Bartolucci. Non entrate: Danesi, Durul, Guidi (L), Kapralova. All. Bernardi.
ARBITRI: Salabashyan, Kaya.
NOTE - Durata set: 22', 27', 27', 28', 13'; Tot: 117'.

ATENE - L'Igor Gorgonzola Novara vince 3-2 in casa dell'Olympiacos dall'ex azzurra Yamila Nizetich, trascinata da 31 punti di Akimova nella gara di andata degli ottavi di finale di Challenge Cup.

SESTETTI - Olympiacos in campo con Kubura opposta a Carraro, Farriol ed Emmanouilidou al centro, Nizetich e Mlejnkova in banda e Artakianou libero; Igor con Bosio in regia e Akimova in diagonale, Chirichella e Bonifacio centrali, Szakmary e Bosetti schiacciatrici e Fersino libero.

LA PARTITA - Il primo break lo fa l'ace di Akimova (2-4), Bonifacio allunga sul 5-8 e la compagna di reparto Chirichella la imita con il primo tempo del 7-11; qualche errore azzurro tiene in scia le avversarie (10-13), un muro su Szakmary riapre la contesa sul 16-18 ma dopo il timeout di Bernardi Chirichella (fast a segno) e Bosetti (muro) ristabiliscono il +4 che si mantiene fino al 20-24, quando un punto di Akimova chiude il parziale, sul 20-25.

Si riparte testa a testa, con Bosetti che mette la testa avanti sul 6-7 e Carraro che firma l'ace del sorpasso (10-9) prima del break firmato da Szakmary (10-11) che firma anche il +2 (12-14) in diagonale. La Igor scappa a muro (16-19), ma sul 17-20 prima e 20-22 dopo le azzurre subiscono il rientro delle padrone di casa, che sfruttano l'ottimo turno in battuta dell'ex Nizetich (24-22). Chiude il parziale un muro su Akimova, per il 25-23.

Il finale del set precedente si fa sentire e l'Olympiacos parte forte a muro (6-3, poi 9-6) e sul 13-8 le greche sembrano aver di fatto ipotecato il parziale. Bernardi manda in campo Bartolucci e Novara cambia passo, prima portandosi 13-10 con Akimova, poi grazie al turno in battuta di Chirichella che firma l'ace del 15-13 e propizia l'errore avversario per il 15-14. Le padrone di casa tornano a +3 (18-15), Akimova a muro fa -1 (18-17) e un errore delle biancorosse vale il pareggio a quota 20; Novara mette la freccia sul 21-22, una magia di Bartolucci per Bonifacio vale il set ball (23-24) e Akimova chiude il parziale mandando di nuovo avanti la Igor (23-25).

Il quarto set si apre ancora con le padrone di casa avanti (7-4, fallo di seconda linea di Akimova), con l'Olympiacos che tiene il pallino del gioco fino al 10-7 mentre Novara reagisce sfruttando qualche errore avversario e due grandi giocate di Szakmary e Akimova (11-11). Chirichella fa break a rete (11-13) e Szakmary allunga in diagonale 12-15, poi ancora una fast di Chirichella e un grande attacco di Akimova per il 13-18 che sembra indirizzare il set. Bernardi manda in campo Buijs, al rientro dopo un mese di assenza, ma un muro delle padrone di casa e un errore in attacco di Akimova riaprono i giochi sul 16-18, con due muri greci in fila che addirittura valgono il pareggio a quota 19. In un finale convulso e segnato da almeno tre decisioni arbitrali contestatissime e tutte, alla fine, favorevoli alle padrone di casa, Novara si tiene in vantaggio fino al 20-21, poi un fallo inesistente comminato a Bartolucci a rete (22-21) vale il sorpasso e il nervosismo "spegne" le azzurre, che cedono 25-22.

Riordinate le idee, Novara aggredisce da subito il tie-break e piazza uno 0-7 di parziale sul turno in battuta di Bonifacio (ace, 1-6) che ipoteca il set sul 2-8 al cambio campo; Akimova in pipe avvicina il traguardo (4-10), Bosetti firma il +7 sul 6-13 e dopo un errore in attacco dell'Olympiacos arriva il muro di Bonifacio che regala il vantaggio nella doppia sfida alle azzurre (6-15). Vantaggio minimo, che costringerà comunque le azzurre a vincere anche il ritorno, con il "paracadute" del golden set in caso di sconfitta per 2-3, mentre in caso di sconfitta da tre punti a passare il turno sarebbe l'Olympiacos.

HANNO DETTO

Sara Bonifacio (centrale Igor Gorgonzola Novara): "Per me è stato bello essere finalmente in campo e disputare cinque bei set tirati, conclusi con un successo. Abbiamo commesso qualche errore di troppo e questo ha complicato i piani, di contro però siamo riuscite una volta di più a rimanere in partita nei momenti complicati e a uscirne, trovando poi lo spunto decisivo nel tie-break. Ora le aspettiamo a Novara, sarà una partita decisiva da dentro o fuori".

 

Redazione Volleyball.it