Superlega | 10 febbraio 2024, 21:34

Superlega: Trento vinte 3-0 il testa coda con Catania

Per una sera i campioni d'Italia volano a +9 su Perugia

Superlega: Trento vinte 3-0 il testa coda con Catania

7ª giornata Ritorno
Farmitalia Catania - Itas Trentino 0-3 (15-25, 20-25, 17-25)
Farmitalia Catania: Orduna 0, Massari 4, Masulovic 5, Buchegger 18, Randazzo 6, Tondo 1, Pierri (L), Basic 4, Cavaccini (L), Baldi 0, Bossi 2. N.E. Guarienti Zappoli, Frumuselu, Santambrogio. All. Bua.
Itas Trentino: Sbertoli 4, Lavia 6, Kozamernik 8, Rychlicki 15, Michieletto 12, Podrascanin 4, D'Heer 6, Pace (L), Magalini 2, Laurenzano (L), Acquarone 0. N.E. Nelli, Cavuto, Berger. All. Soli.
ARBITRI: Saltalippi, Cerra, Pecoraro.
NOTE - durata set: 25', 26', 25'; tot: 76'.

Tutti i risultati - la classifica

CATANIA - Al PalaCatania l'Itas Volley Trentino, per la settima giornata di ritorno di SuperLega Credem Banca, impone la legge della prima in classifica e Campione d’Italia, mettendo a segno uno 0-3 contro una Farmitalia Saturnia che insegue sempre e che, nonostante i tentativi di tenere il ritmo, non riesce a contrastare gli avversari.
Oggi nella metà campo dei gialloblu funziona tutto, con una battuta che ha messo in difficoltà Farmitalia Saturnia dall’inizio e un muro che ha reso quasi impossibile far passare gli attacchi dall’altra parte del campo. 

La squadra di Soli per una sera si porta addirittura a +9 sulla prima inseguitrice Perugia, in attesa del suo match interno di domenica con Verona. 

A fare la differenza un muro molto compatto, a segno complessivamente 12 volte (nove solo con i centrali), ha tenuto costantemente a bada gli attaccanti avversari ed in particolar modo Buchegger (comunque a segno 18 volte), poi ci hanno pensato Michieletto (12 punti ed mvp) e Rychlicki (16 col 56%) a concretizzare le tante occasioni di break point che i gialloblù si sono creati. Nella seconda metà del match Soli ha attuato un ampio turnover, che ha reso protagonista in particolar modo D’Heer (6 palloni vincenti, 75% in attacco e tre muri) e Magalini, bravo a chiudere un incontro privo di grosse sbavature per Trento (8 errori in battuta e 5 a rete) con un pallonetto.

SESTETTI  - In campo coach Soli manda Sbertoli, Rychlicki, Michieletto, Lavia, Podrascanin, Kozamernik e il libero Laurenzano. Mister Bua invece si affida a Orduna e Buchegger, Tondo e Masulovic al centro, Massari e Randazzo di banda e il libero Cavaccini.

LA PARTITA -  Il primo punto del match è di Michieletto (0-1), ma Trento allunga fin dalle prime fasi di gioco e dopo un ace di Lavia (0-4), Bua richiama tutti i suoi giocatori per il primo time out. Al rientro un attacco di Randazzo (1-4). E’ il giocatore siciliano a trascinare i suoi con un ace(5-6). Massari passa il muro a tre (6-8). Prima un attacco Rychlicki(8-11) e subito dopo una palla diagonale di Buchegger (9-11). Tondo dal centro (11-14) . Randazzo murato da Podrascanin(11-16). Trento va comunque avanti ed è un muro su Randazzo a chiudere la prima frazione di gioco (15-25).

Inizio secondo set fotocopia del primo (0-4) e arriva anche il time out biancoblu. Attacco di Lavia (0-5). Entra Bossi a muro ed è suo il primo punto etneo del set (1-5).Sbertoli di prima intenzione (5-10). Attacco di Paul Buchegger dalla seconda linea (6-11).Podrascanin mura l’opposto austriaco (11-16). Farmitalia Saturnia accorcia le distanze con un doppio attacco di Buchegger sul muro di Trento (19-23). Chiude Lavia (19-25).

Il primo punto biancoblu arriva con un primo tempo di Masulovic (1-2). Ace di Rychlicki (2-5) Quando Buchegger viene murato da D’Heer i gialloblu si trovano avanti di cinque punti (6-11). Randazzo passa (7-11). Masulovic ancora insegue con un primo tempo (11-17). Basic ci prova prima passando il muro (14-21) poi con un attacco, chiude Michieletto (17-25) MVP del match.

HANNO DETTO
“Hanno forzato tanto il servizio e abbiamo avuto difficoltà con il side out così loro fin da subito hanno preso il largo e noi abbiamo dovuto sempre inseguire - commenta così coach Peppe Bua la sconfitta - Adesso però dobbiamo rimetterci a lavoro perché mercoledì ci aspetta una sfida diretta per la salvezza. Abbiamo sempre dato spettacolo e mercoledì lo potremo fare solo con l’aiuto del nostro pubblico. E’ ancora tutto aperto”.
“Mercoledì sarebbe bello giocare con un palazzetto pieno - gli fa eco l’opposto austriaco Paul Buchegger - quella contro Padova è una partita decisiva che dobbiamo e possiamo vincere per proiettarci alla salvezza. Chiedo ai nostri supporter di venire tutti al palazzetto, abbiamo bisogno di loro e la loro voce è quella che ci da una spinta in più e ci permette di giocare meglio e riuscire a vincere”.
Fabio Soli (allenatore Itas Trentino): “Abbiamo offerto una bella prestazione, mettendo in campo una buona pallavolo come ci eravamo ripromessi. Il risultato ottenuto è importante perché arrivato al termine di una partita che sapevamo potesse non essere semplice. Potevamo fare sicuramente meglio, ma è vero che venivamo da una settimana di intenso carico fisico e quindi sono soddisfatto di quello che abbiamo fatto”.

Redazione Volleyball.it