Superlega | 27 novembre 2023, 00:01

Superlega: Monza ferma Piacenza, la Lube fatica e vince. Bene Trento e Perugia

Lagumdzija top scorer di giornata

Rychlicki

Rychlicki

MODENA - Giornata interlocutoria per la Superlega che archivia la 7a giornata. Dopo l'anticipo di sabato, tre le vittorie piene per Trento e Milano tra le mura amiche e Perugia che vince a Perugia. 
Due tie break. La Lube vince, ma fatica, con Taranto, alla prima di coach Travica; Monza supera Piacenza. 

Tutti i risultati e la classifica

Itas Trentino - Farmitalia Catania 3-0 (25-15, 25-17, 25-18)

A TRENTO - Nessuna sorpresa nel testa coda tra i campioni d'Italia e la Farmitalia Catania. L'Itas Trentino centra la sua settima vittoria restando così attaccata alla vetta della classifica. Trento, trascinata da Rychlicki (19 punti col 68% in attacco, 3 muri e 1 ace). Catania regge il ritmo avversario solo nella prima parte del primo set, poi si trova a rincorrere senza trovare le contromisure in nessun fondamentale. Il solo Buchegger va in doppia cifra, pur con percentuali non esaltanti.

L'opposto trentino parla così della vittoria “Era importante dare continuità ai nostri risultati e chiudere in tre set il match anche in vista della trasferta in Francia di mercoledì per la Champions League. Siamo contenti del risultato e della prestazione, dobbiamo continuare a crescere e a giocare da gruppo vero”.

Rana Verona - Sir Susa Vim Perugia 0-3 (18-25, 20-25, 22-25)

A VERONA - Il tutto esaurito del Pala AGSM AIM non contribuisce a fermare una Sir Susa Vim Perugia che, soprattutto a muro con Plotnytskyi non lascia scampo alla Rana Verona. Quando Verona cerca di restare aggrappata alla gara una lunga serie dai nove metri di Held consegna il primo parziale nelle mani di Giannelli e compagni. Grozdanov e Mozic tengono vive le speranze scaligere nel secondo set fin quando Perugia non alza il livello e incassa il parziale.  Nel terzo parziale Herrera spezza l'equilibrio dai nove metri. MVP della gara è Plotnytskyi, autore di 14 punti con 2 ace e altrettanti muri vincenti.

“Per me - dice l'ucraino - oggi abbiamo fatto un altro passo avanti a muro, soprattutto sotto l’aspetto tecnico. Poi abbiamo giocato di squadra e questo è stato importante. Abbiamo avuto momenti difficili in campo. Restare sempre uniti ed insieme è stata una chiave importante”.

 

Cucine Lube Civitanova - Gioiella Prisma Taranto 3-2 (25-22, 22-25, 21-25, 25-22, 18-16)

A CIVITANOVA - La terza vittoria consecutiva della Lube arriva al termine di match tiratissimo. Missione compiuta al tie break in rimonta per gli uomini di Chicco Blengini, ma con tanta sofferenza (come certifica anche il quinto set chiuso 18-16) contro la Gioiella Prisma Taranto. Finale rovente al termine di un match rocambolesco che vale il salto a 13 punti in classifica. Puglieri ancora con Trinidad De Haro al palleggio, nonostante i rumors di mercato riguardanti un arrivo di Saitta da Cisterna.
A trainare la Lube ci pensano Lagumdzija, MVP e top scorer con 25 punti (58% di positività, 3 ace e 1 muro), e Nikolov (19 con il 54%). In doppia cifra anche Chinenyeze (10), autore del muro finale come nel tie break vinto con la Sir. Sul fronte tarantino quattro atleti in doppia cifra: Gutierrez (22), Russell (21), Gargiulo (16) e Lanza (11). Civitanova complessivamente meglio in attacco e al servizio, gli ospiti chiudono con un muro in più e propongono una battuta float insidiosa.

Luciano De Cecco commenta così la partita "Complimenti a Taranto, che ci ha messo sotto in più occasioni proponendo una buona pallavolo. La Lube non ha disputato la sua migliore partita, ma il fatto di riuscire a vincere anche in queste occasioni ci dà la carica. Ci serve più regolarità, sia nel gioco che dal punto di vista mentale, ma soprattutto dobbiamo essere più concreti, come lo siamo stati nel primo set, in alcuni frangenti del quarto e nel tie break. Troppi alti e bassi in ricezione, un po’ per merito di Taranto e un po’ per demeriti nostri. Dobbiamo allenare molto questi aspetti perché le prossime partite saranno ancora più difficili”.

 

Allianz Milano - Pallavolo Padova 3-0 (25-17, 26-24, 25-19) 

A MILANO - L’Allianz Milano si fa ancora più bella e dopo la vittoria di Cev Cup firma un altro 3-0 casalingo contro la Pallavolo Padova. Per i veneti resta il rammarico per la mancata chiusura del secondo set, il parziale più equilibrato, quando due attacchi out di Gabi Garcia fanno scivolare via la partita verso i padroni di casa.
Milano, ancora con Reggers opposto, supera Padova nel fondamentale del muro (10-7) e in attacco con il 53% contro il 42%. Curiosità: anche se per pochi scambi si vedono in campo nel terzo set i due fratelli Porro contro, con una certezza. Anche per Luca ci sarà un futuro nel massimo campionato italiano.

Matej Kaziyski, mostro sacro dell'Allianz Milano: “Ci tenevamo tanto a fare una bella prestazione in casa. Sono molto contento perché, pur non essendo impeccabili, siamo riusciti ad andare oltre i problemi centrando il risultato. Attualmente siamo a un buon punto, ma possiamo ancora crescere. Si vedono buone cose, ma abbiamo ancora margine.".

 

Mint Vero Volley Monza - Gas Sales Bluenergy Piacenza 3-2 (22-25, 25-21, 19-25, 25-20, 15-12)

A MONZA - La MINT Vero Volley Monza esce con un successo dall'attesa sfida con la Gas Sales Bluenergy Piacenza nel posticipo serale. Una vera e propria maratona di 2h 20', chiusa solamente al tie-break. MVP del match lo schiacciatore canadese Eric Loeppky, autore di una prova importante in attacco con 21 palloni messi a terra. Tra i top scorer dell'incontro anche Maar e Takahashi, rispettivamente con 18 e 17 punti. 

In biancorosso, ad Andrea Anastasi, non sono bastati quattro giocatori in doppia cifra, ad iniziare dai 19 punti di Leal ai 17 di Lucarelli. Gironi chiude con 8 su 23 (35%).  28 le battute sbagliate piacentine per 5 ace (22 quelle dei brianzoli: 7 ace)

 

Redazione Volleyball.it