Superlega | 16 novembre 2023, 00:58

Superlega: Che giornata per Plotnytskyi, Michieletto, Juantorena e Lagumdzija

In archivio la 5a giornata, nessuna sorpresa. Vincono le big, i temi della giornata

Juantorena trascina Modena ad una difficile vittoria. 72% in attacco contro Padova

Juantorena trascina Modena ad una difficile vittoria. 72% in attacco contro Padova

MODENA - Turno senza sorprese il 5° di Superlega, primo infrasettimanale del campionato.

Il pomeriggio si è aperto a Taranto dove la Sir Susa Vim Perugia ha superato i padroni di casa costretti alla quinta sconfitta stagionale. Per la Sir di Lorenzetti una prova a doppia velocità. I primi due set in cui Perugia sbaglia poco e trova un’ottima fase break. Mentre nel terzo la Prisma alza il livello di gioco passando dal 32% e 37% in attacco dei primi due set al 50% a cui si aggiungono i 14 errori (8 in attacco) della Sir in favore dei padroni di casa.
Nel quarto set Lorenzetti cambia Ben Tara (8 su 17 nei primi tre set) con Herrera (7 punti, di cui 2 ace e 1 muro) l'attacco trentino decolla al 73%, 11 su 15, 2 sol palloni negativi, 5 muri 3 ace. Un set da grande squadra che si chiude 14-25. A livello individuale il migliore è il posto 4 Gutierrez con 14 punti, 11 in attacco, 1 muro, 2 ace. Solo 11 su 31 (con 7 muri subiti) per Kile Russell

Pesano in favore della Sir anche i 15 muri contro 4 avversari. A riposo Leon MVP è lo schiacciatore Oleh Plotnytskyi con 16 punti ed il 54% in attacco; bene anche Semeniuk con 14 punti e il 67%- 6 i muri del centrale brasiliano Flavio.

A Milano i campioni d'Italia dell'Itas Trentino impiegano 4 set per domare i padroni di casa dell'ex Kaziyski. Prova monstre dei tre giocatori di palla alta (56 punti in tre) Michieletto (20, 59%) - Lavia (18) - Rychlicki (18). Per l'Allianz, in campo ancora con Reggers opposto, si registrano le buone percentuali di dei tre attaccanti di lato 52% per il giovane belga, 53% Kaziyski, 45% Ishikawa, ma tutti i numeri di squadra sono in favore di Trento:  Milano 5 muri punto, Trento 9. ace Milano 3 con 16 errori, Trento 4 con 15 errori; ricezione Milano 41% (19% perfetta), Trento 54% (27%). attacco punto Milano 49%, Trento 55%.

A Piacenza la Gas Sales Bluenergy torna a correre in campionato superando 3-1 il Cisterna Volley. Primo set agevole (25-13) poi la gara si accende con Cisterna che nel secondo e terzo set si trova a condurre 18-21 e 16-21. Secondo set ai vantaggi (27-25) terzo chiuso dai pontini. 

Piacenza è ancora senza Romanò, con Gironi opposto, al centro debutta Caneschi in diagonale con Simon. Per lui una ottima prova in attacco /17%) e a muro (4). Piacenza chiude il match con il 60% in attacco contro il 45% dei pontini. 9 i muri. Ai laziali non bastano i 26 punti di Faure. A muro 5 punti per Cisterna, tutti messi a terra nel secondo set.

In casa Cucine Lube si cancella con una bella vittoria la sconfitta di Milano. 3-0 alla matricola Farmitalia Catania con un atteggiamento autoritario.  15 punti del top scorer Adis Lagumdzija (suoi 5 dei 12 muri di casa), che festeggia da MVP la sua centesima partita in Italia, e un gioco essenziale anche nelle fasi più complesse.

Per i sicilani doppia cifra per Buchegger (10) e Randazzo (10) entrambi con il 32% in attacco (Randazzo solo 17% di ricezione perfetta).

Lube in campo con Anzani che torna titolare in diagonale con Chinenyeze al centro. Catania con Basic in posto 4 al posto dell'infortunato Manavi.  La Lube spicca a muro (12 a 5), atacco (47% a 34%) e ricezione 58% di positiva a 41%. A livello individuale, detto dell'opposto Lube, prova positiva di Chinenyeze (69% in attacco) e di Nikolov 55% in attacco, 71% di ricezione positiva e 53% di perfetta; di contro Zaytsev 3 su 14 in attacco (21%, ma con 2 errori e 1 muro subito), 33% di positiva e 17% di perfetta in ricezione. 

A Modena, bella prova di sofferenza della Valsa Group di Petrella costretto a schierare tre martelli, con Davyskiba in posto 2 e nessuna concreta possibilità di sostituzione. Dopo un primo set tutto di marca patavina con Gardini ispiratissimo in attacco (6 punti) davanti a mamma Novella (Modena nell'occasione riceve al 29% di positiva e 18% di perfetta) nel secondo set i padroni di casa risorgono, sempre trascinati da Juantorena che in attacco (e con una difesa decisiva) mette poi il sigillo alla rimonta del terzo set quando padova resta avanti anche 20-23 prima di subire il ritorno emiliano e successo nel set per 27-25. Contraccolpo pesantissimo per la squadra di Cuttini  che paga pegno ad un Gabi Garcia impalpabile. Fuori giri al servizio, ben 7 battute sbagliate, inefficace in attacco con un 4 su 16 (25%) ma anche 3 errori e 2 muri subiti...
Modena risorge trascinata dai 21 punti di Juantorena. Il caraibico in avvio di gara subisce in rice come Rinaldi (6 ace subiti) e Gollini, ma alla distanza mette tanta qualità in attacco con un 72% che lo porta ad essere l'MVP ella gara: 18 su 25 in attacco 0 errori, 0 muri subiti. A cui si aggiungono 3 ace. 20 i punti di Rinaldi, 15 in attacco 2 muri, 3 ace.

Luca Muzzioli