Superlega | 19 novembre 2023, 17:56

Superlega: La Lube alza la voce. Vince 0-3 a Modena. Balaso MVP

I padroni di casa, sempre in emergenza, faticano a stare al passo dell'avversario e compromettono la gara con 28 errori punto in 3 set

Superlega: La Lube alza la voce. Vince 0-3 a Modena. Balaso MVP

Valsa Group Modena - Cucine Lube Civitanova 0-3 (20-25, 19-25, 20-25)
Valsa Group Modena: Mossa De Rezende 4, Juantorena 6, Brehme 5, Davyskiba 21, Rinaldi 7, Sanguinetti 6, Boninfante 0, Gollini (L), Sapozhkov 0. N.E. Stankovic, Pinali, Sighinolfi. All. Petrella.
Cucine Lube Civitanova: De Cecco 1, Zaytsev 7, Chinenyeze 5, Lagumdzija 17, Nikolov 13, Anzani 4, Bisotto (L), Balaso (L), Diamantini 0, Yant Herrera 0. N.E. Thelle, Motzo, Bottolo, Larizza. All. Blengini.
ARBITRI: Vagni, Zavater.
NOTE - durata set: 26', 26', 27'; tot: 79'.

di Luca Muzzioli

MODENA - La Cucine Lube Civitanova, che in settimana (mercoledì) sarà nuovamente in campo per il debutto di Champions League, sbriga nel minor tempo possibile quella che storicamente è sempre una pratica imprevedibile, il PalaPanini e Modena Volley.
La Cucine Lube arriva con una formazione in miglior condizione e si vede. La Valsa Group di Petrella riesce a restare attaccata all'avversario solo nelle fasi iniziali dei set, i break importanti sono sempre della Lube che fornisce l'impressione di gestire la gara. Di contro i padroni di casa non riescono nell'impresa di sovvertire il trend della partita come fatto mercoledì sera contro Padova. Con Sapozhkov ancora al palo (la condizione fisica non fa ben sperare per una stagione 'serena') e Federici che deve operarsi i tempi per vedere la squadra al suo meglio sembrano lontani. A meno di interventi sul mercato.    

NUMERI - Modena è solo Davyskiba. Se anche a tratti (il 2° set ad esempio) l'attacco è stato migliore di quello dei marchigiani la differenze alla fine l'ha fatta la gestione dell'errore. Ai padroni di casa nel secondo set pesano come un macigno gli 11 punti regalati alla Lube. Lube che è invece brava a regalarne solo 10 in tutta la gara. Ben 28 quelli di una Modena (una media di 9 a parziale, troppi) che deve alzare il ritmo per stare al passo e inevitabilmente forza (13 battute sbagliate, 18 attacchi).

La Lube fa meglio in difesa, con Balaso decisivo a più riprese e meritatamente MVP, a muro (8 vincenti a 3) ma anche tante le toccate, quindi bene gli altri, l'attacco di Lagumdzija e Nikolov, la distribuzione di De Cecco, battuta e muro di Chinenyeze e muro di Anzani, generosità di Ivan Zaytsev che fatica un po' in ricezione ma in attacco fa il suo con un buon 58%. Complessivamente la squadra di Blengini è di un altro livello, Modena questa volta non riesce a sopperire alle mancanze, anche se il biondo bielorusso, per mole di gioco e positività, non fa rimpiangere Sapozhkov. 

SESTETTI -  Modena ancora con Davyskiba opposto a Bruno, al centro c'è Brehme con Sanguinetti, Rinaldi e Juantorena in posto 4, Gollini libero. Lube con De Cecco ad alzare, Lagumdzija opposto, Nikolov e Zaytsev in posto 4, Chinenyeze e Anzani al centro, Balaso libero. 

LA PARTITA  - Il servizio della Lube scava subito il vantaggio per 2-6. Più fluido il cambio palla. Il muro di Lagumdzija su Rinaldi costringe Petrella al time out. Se il turno di Zaytsev porta punti indiretti con il muro Lube, Davyskiba accorcia le distanze con due ace proprio su Zaytsev.

Subisce Gollini (la battuta di Chinenyeze), risubisce Zaytsev la battuta di Sanguinetti (14-16)   

Yant entra per Nikolov (16-17), Davyskiba tiene Modena in linea, attacco e controllo a rete: 19-19. La Lube allunga 20-23, sfruttando errori dei padroni di casa che faticano a restare in scia.  Il muro di Anzani su Sanguinetti (20-24) è più di un muro, ma una dichiarazione liberatoria del centrale della Lube.

Il set si chiude con una Lube al 71% in attacco. Per Modena non bastano i 9 punti di Davyskiba (70% in attacco). 8 quelli del rivale di ruolo Lagumdzija (78%).

L'inizio di Modena in attacco lascia subito il segno (3-1) ma quando Davyskiba regala qualcosa la Lube impatta e torna avanti. Il break lo firma Chinenyeze con il suo terzo ace della gara: la mette tra Rinaldi e Gollini: 11-13. 

Sapozhkov entra per una azione a muro, al poso di Bruno, ma De Cecco evita di alzare sul suo lato.  

Due muri su Osmany di Lagumdzija e un attacco out di Brehme valgono il 18-24. Il set lo chiude un servizio out di Bruno. Davyskiba è ancora il top scorer del set (75% in attacco), ma non basta contro una Lube che batte e mura meglio. Modena se in attacco appare più performante di contro regala 11 errori punto.

Nel terzo set sul 10-10 momento di paura per Modena con Juantorena che scivola e si tocca la caviglia destra. Il caraibico zoppica ma impatta in attacco: 11-11. Lagumdzija forza al servizio, il muro di Anzani firma il primo break pesante del set: 11-13. Davyskiba sparacchia out: Bruno convince Petrella a chiedere un video check, ma è mossa della disperazione. La palla è abbondantemente lontana dal muro Lube: 11-14.

Due difese di Balaso spingono la Lube sul +4, un vantaggio che si amplia fino al 16-22, +6 Lube più che rassicurante per lo 0-3 finale che viene chiuso da Diamantini a muro, gettato nella mischia da Blengini proprio in quel frangente.  

Luca Muzzioli

Commenti