Champions League F.: La Novara del "dopo Poulter" riparte con una vittoria. 3-1 al Potsdam

Battistoni tiene bene il campo, ottimo approccio di Karakurt 19 punti nei primi due set (32 totali)

POOL C - 1a giornata
IGOR GORGONZOLA NOVARA - SC POTSDAM 3-1 (25-15, 25-17, 24-26, 25-19)
Igor Gorgonzola NOVARA: Battistoni 1, Bosetti 15, Chirichella 7, Danesi 11, Carcaces Opon 11, Karakurt 32, Fersino (L), Giovannini, Ituma, Bonifacio 1. Non entrate: Cantoni, Adams (L), Bresciani, Varela Gomez. All. Lavarini. 
SC POTSDAM: Savic 10, Jasper 11, Van Aalen 2, Nemeth 14, Cekulaev 6, Emonts Weihenmaier 3, Jegdic (L), Viggars, Maase 2, Savelkoel 8. Non entrate: Hetmann, Leweling, Kirchhoff (L), Dokic. All. Naranjo Hernandez. 
ARBITRI: Kaiser, Simonovic. 
NOTE - Durata set: 24', 21', 27', 25'; Tot: 97'.

NOVARA - Solo un calo di attenzione e tensione nel terzo set di Novara permette al Potsdam di tenere viva la gara di esordio in Champions League 2022/23 dell'Igor Gorgonzola. In quello che è il momento stagionale più difficile, persa Poulter, di cui si è detto che per l'infortunio ha chiuso nel weekend la sua stagione, la squadra di Stefani Lavarini è riuscita a scendere in campo stringendosi a coorte, diventando un sol uomo e portare tutte un valido contributo.
In primis Ilaria Battistoni, che dopo un inizio di campionato in cui aveva tenuto il campo aspettando Poulter, oggi vi è tornata senza rete. Promossa titolare a tutti gli effetti, con responsabilità annesse, aspettando di capire cosa ( o se) farà la dirigenza dell'Igor sul mercato. A rispondere al meglio alla palla alzata dalla regista marchigiana è subito occorsa Ebrar Karakurt con 32 punti, 7 nel primi set, 12 nel secondo, 8 nel terzo, 5 nel quarto, con percentuali altissime in attacco (59% totale, 83% e 79% nei primi de set) e solo pochissime sbavature, due nel finire di quel terzo set perso, forse più colpa della frenesia e della voglia  di archiviare la pratica, segnata dal divario tecnico tra le due squadre. 
A completare il bottino di Karakurt c'è poi l'indispensabile Caterina Bosetti, leader silenzioso e con lei, brava Battistoni a dare luce anche alle centrali Chirichella (7) e Danesi (11) querst'ultima ben presente anche a muro: 5 block.   

SESTETTI - Igor in campo con Karakurt opposta a Battistoni, Chirichella e Danesi centrali, Bosetti e Carcaces schiacciatrici e Fersino libero; Potsdam con Van Aalen in regia e Nemeth in diagonale, Savic e Cekulaev al centro, Emonts Weihenmaier e Jasper in banda e Jegdic libero.

LA PARTITA - Novara parte forte con Carcaces (4-1), l’ace di Jasper accorcia (8-6) ma quello di Chirichella ristabilisce le distanze (10-6) e dopo il timeout di Potsdam e le sostituzioni tra le fila tedesche, Novara scappa prima 15-8 con Karakurt e poi 17-9 ancora con Chirichella, entrambe a segno a muro. Bosetti avvicina il traguardo (21-13, diagonale), Carcaces lo taglia di slancio firmando di potenza il 25-15.

Bosetti rompe l’equilibrio nel secondo set a muro (7-5), Danesi (8-6) e Karakurt (9-6) la imitano ed è ancora la schiacciatrice azzurra a concretizzare con l’attacco del 10-6 una bella difesa di Carcaces. Karakurt macina punti (13-7), Savelkoel trova l’ace che riporta sotto le sue (17-12) ma Chirichella riprende la marcia (19-12) e Karakurt chiude in maniout uno scambio lunghissimo (21-13). Chiude il set Danesi, con il primo tempo del 25-17.

Il terzo set è il più combattuto: Novara inizia a sbagliare (5-7, poi 7-9) e Potsdam mette la testa avanti ma due punti in fila di Karakurt rilanciano le azzurre (16-14) con le ospiti che fermano il gioco; Carcaces conquista due volte (17-14, poi 19-16) il +3 in diagonale ma un’invasione azzurra vale il 21-21 che riapre i giochi. Bosetti scappa (23-21), Karakurt conquista il match ball (24-22) ma Potsdam ne annulla due e complici due errori in attacco dell’opposto azzurro, le tedesche mandano la partita al quarto set sul 24-26.

Sull’onda dell’entusiasmo, Potsdam riparte forte (5-6, Cekulaev a segno a rete) ma Danesi sorpassa due volte a muro (7-6, poi 9-8) e poi propizia il +5 con un primo tempo a segno (12-8) e un altro muro (13-8); Karakurt tiene le distanze in diagonale (15-9), Chirichella firma in attacco l’allungo sul 20-12 mentre un muro sull’opposto azzurro sembra riaprire il set sul 20-16. Novara stavolta non si ferma più: Bosetti conquista a muro il match ball (24-19) e un muro di Giovannini non contenuto da Potsdam porta al 25-19 che vale il 3-1.

HANNO DETTO
Anna Danesi (centrale Igor Gorgonzola Novara): “Siamo contente di come è iniziata la nostra Champions League, in un girone così è importante aver vinto subito. Non è un periodo facile per le difficoltà con cui dobbiamo fare i conti ma ognuno in squadra ha fatto il massimo per portare a casa il risultato, contro un avversario che ha lottato tanto, specie tra terzo set e inizio del quarto. Siamo state concentrate nel momento cruciale e abbiamo chiuso in quattro set, senza dar loro la possibilità di rientrare in gioco”.

Gaia Giovannini (schiacciatrice Igor Gorgonzola Novara): “Sono molto felice per aver festeggiato con una vittoria il mio esordio in Champions League e mi fa piacere aver potuto dare il mio contributo al risultato, che per noi è molto importante. Volevamo partire con il piede giusto, ora dobbiamo pensare al match di Monza che sarà durissimo. Sono convinta, però, che abbiamo le carte in regola per giocarcela alla pari”.

Stefano Lavarini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Abbiamo avuto un buon approccio alla partita, giocando molto bene i primi due set e poi, come ci è già successo, dopo due set vinti abbiamo calato un po’ ritmo e attenzione e questo, unito a quanto messo in campo dai nostri avversari, ci ha portate a perdere il terzo set. Bene aver chiuso poi in quattro set, era importante conquistare la posta piena”.

Laura Emonts Weihenmaier (capitano SC Potsdam): “E’ stata una giornata storica per la squadra e per il club, con la prima partita assoluta in Champions League, che purtroppo non si è concretizzata in una vittoria. E’ stato bello giocare contro un avversario forte come Novara, noi siamo riuscite a vincere un set ma ci è mancato poi qualcosa per provare a prolungare oltre la sfida e conquistare un punto. Lavoreremo per crescere e fare meglio nel corso della competizione”.



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.