Champions League F.: Novara vince 3-0 a Belgrado. Karakurt ne fa 25, c'è anche Adams

Importante vittoria per il team di Lavarini nella trasferta serba

2a giornata - Pool C
Crvena Zvezda BEOGRAD - Igor Gorgonzola NOVARA 0-3 (17-25, 20-25, 25-27) Crvena Zvezda BEOGRAD: Taubner 18, Mateska 6, Zivojinovic 12, Markovic 4, Cirovic 5, Canak 3, Durdevic (L), Rodic. Non entrate: Denysova, Sajic, Vrcelj, Janjic, Helic, Zigic (L). All. Pavlicevic. 
Igor Gorgonzola NOVARA: Battistoni 1, Bosetti 4, Chirichella 2, Bonifacio 5, Carcaces Opon 10, Karakurt 25, Bresciani (L), Fersino (L), Giovannini 2, Varela Gomez 2, Ituma 2, Adams 10. Non entrate: Cantoni, Danesi. All. Lavarini. 
ARBITRI: Muha, Goren. 
NOTE - Durata set: 20', 23', 30'; Tot: 73'.

BELGRADO - L'Igor Gorgonzola Novara vince 3-0 la seconda gara della Pool C di Champions League in casa della Stella Rossa Belgrado. Si registrano 25 punti (statistiche Cev) di Karakurt, MVP (100% offensivo per lei nel primo parziale e 80% complessivo), il ritorno di McKenzie Adams dopo 40 giorni di stop dalla metà del secondo set, titolare nel 3°, 8 punti in attacco (50%) e 2 muri,  gli esordi europei di Varela Gomez (con un ace e un muro a segno, quello che ha chiuso l’incontro) e Bresciani, mentre dopo l’esordio contro Potsdam sono arrivati i primi punti in Champions League per Giovannini e Ituma. 

SESTETTI - Stella Rossa con Cirovic in regia e Taubner in diagonale, Canak e Markovic centrali, Zivojinovic e Mateska schiacciatrici e Djurdjevic libero. Igor in campo con Karakurt opposta a Battistoni, Bonifacio e Chirichella al centro, Adams e Bosetti in banda e Fersino libero.

LA PARTITA - Belgrado prova a intimidire le azzurre a muro (7-6) ma Karakurt firma il sorpasso con due muri (8-10) e l’ace di Bonifacio vale il +3 (8-11), con Carcaces che la imita poco dopo sul 10-14 che costringe la formazione serba al timeout. E’ ancora la cubana a tirare la volata azzurra in maniout (14-21), per poi chiudere di slancio 17-25 in parallela.

Al rientro in campo Novara parte subito forte con Karakurt (0-3) e Carcaces (0-4), mentre Bosetti (4-10, diagonale vincente) e Chirichella (ace, 4-11) ipotecano di fatto con largo anticipo il parziale. Dentro Adams sul 7-13 e al primo pallone attaccato l’americana firma il 9-14 in diagonale, ripetendosi poco dopo per il 10-15 e per l’11-17, implacabile. Varela Gomez entra e firma l’ace del 12-20, Bosetti fa 15-23 in maniout mentre Belgrado rimonta fino al 20-24 prima che Karakurt chiuda i conti in diagonale, sul 20-25.

Battistoni (muro, 2-6) e Adams (2-9) alzano subito la voce, mentre Fersino si esalta in difesa e il tecnico serbo ferma invano il gioco. Giovannini entra e va a segno (5-13, diagonale vincente), altrettanto fa Ituma che trova in diagonale l’11-18, mentre c’è spazio anche per Bresciani come libero. Novara abbassa un po’ il ritmo e la Stella Rossa un po’ alla volta (19-21, ace di Cirovic) ricuce lo strappo, mentre Giovannini firma il 19-22 e Ituma il 20-23 che sembra preludio ai titoli di coda. Un muro su Adams vale però l’impatto (23-23), Karakurt rientra e firma il 23-24 e poi il 25-26 e al terzo tentativo utile è un muro di Varela Gomez a chiudere il set e il match sul 25-27.

HANNO DETTO
Ilaria Battistoni (regista Igor Gorgonzola Novara): “Abbiamo ottenuto quello che volevamo, ovvero una vittoria da tre punti e in tre set, senza prolungare oltre la sfida. Credo che abbiamo avuto un ottimo approccio alla partita, dando fin da subito il nostro ritmo alla partita e imponendo il nostro gioco, salvo nella parte finale in cui abbiamo fatto un po’ di fatica. La cosa importante, però, è essere riuscite a chiudere il match quando sembrava che le nostre avversarie potessero ultimare la rimonta”.
Stefano Lavarini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Possiamo essere soddisfatti del risultato e anche della prestazione offerta, visto che abbiamo avuto il giusto atteggiamento e abbiamo di fatto gestito senza problemi i primi due parziali e la prima parte del terzo. Abbiamo avuto modo di dare un po’ di campo a chi di solito ha meno spazio e oggi chi è entrato si è fatto trovare pronto, anche se aver rivoluzionato il sestetto ci ha tolto un po’ di ritmo. Siamo stati bravi a rimanere lì e a chiudere ugualmente, senza prolungare la partita”.



Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at [email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.