Europei U21F.: Le azzurrine vincono al debutto con l'Ucraina

Scritto da Redazione Volleyball.it  | 
1° giornata
ITALIA-UCRAINA 3-1 (25-22, 23-25, 25-14, 25-19)
ITALIA: Omoruyi 16, Graziani 9, Frosini 13, Nardo, Nwakalor 9, Monza 2; Armini (L), Cagnin 16, Diop 6, Bartolucci, Bolzonetti. Ne: Marconato. All. Pieragnoli.
UCRAINA: Fedyk 5, Nudha 5, Vorotnychenko 4, Yakusheva 21, Kucher 5, Velykokon 3; Vasilieva (L), Dziuba 6, Sopocheva, Lutsenko (L), Huzhva, Ratii, Horbachenko. Ne: Kaplanska. All. Yakusheva.
ARBITRI: Miklosic (SRB), Niewiarowska (POL)
Note - DURATA SET: 26’, 28’, 22’, 26’. ITALIA: 10 ace, 11 battute sbagliare, 11 muri vincenti, 31 errori totali. UCRAINA: 4 a, 12 bs, 9 mv, 27 et

CERIGNOLA - Questa sera a Cerignola un gremito Pala Tatarella ha fatto da cornice all’esordio della Nazionale Under 21 femminile alla prima edizione dei Campionati Europei di categoria. Le azzurrine, guidate dal tecnico Luca Pieragnoli, si sono imposte per 3-1 (25-22, 23-25, 25-14, 25-19), contro l’Ucraina. L’Italia è stata protagonista di un’ottima prova di squadra. Fatta eccezione per il secondo set, perso dalle azzurrine (23-25), nelle altre frazioni sono state Monza e compagne a dettare il ritmo del match.
All’Ucraina non sono bastati i 21 punti messi a segno da Yakusheva. Tre le azzurrine, invece, tre le atlete che hanno chiuso in doppia cifra: Loveth Omoruyi con 16 punti (52% in attacco), Emma Cagnin con 16 punti (4 ace, 1 muro, 35% in attacco) e Giorgia Frosini con 13 punti (2 ace, 5 muri, 46% in attacco).
Questa sera al Pala Tatarella, per assistere alla gara d’esordio dell’Italia, era presente anche il presidente federale Giuseppe Manfredi.
L’Italia tornerà in campo domani alle 20 al Pala Tatarella di Cerignola per la seconda partita della Pool I. Le azzurrine affronteranno l’Austria.

SESTETTI - Per questa partita d’esordio il tecnico Luca Pieragnoli schiera la diagonale Monza-Frosini, le schiacciatrici Omoruyi e Nardo, le centrali Graziani e Nwakalor e il libero Armini. Dall’altra parte della rete, per l’Ucraina, Yuliia Yakusheva sceglie lo starting six composto da Fedyk, Nudha, Vorotnychenko, Yakusheva, Kucher, Velykokon e il libero Vasilieva.

LA PARTITA - E’ l’Italia a entrare sul taraflex col piede giusto e a imporre il proprio gioco (7-2). Il time out chiamato da coach Yakusheva dà slancio alla manovra della formazione ucraina che piazza il break che vale la parità (7-7). Lo stop al gioco chiesto dal tecnico Pieragnoli rimette ordine tra le fila azzurrine e Monza e compagne si riportano in vantaggio (10-8). Con una manovra fluida ed efficace l’Italia incrementa il proprio vantaggio spingendosi sul +4 (13-9). L’Ucraina fatica a trovare le giuste contromisure e sono sempre le azzurrine avanti nel punteggio (19-15). Nel finale le ragazze di Yakusheva si riportano a -1 (23-22), ma Graziani a segno e un muro vincente permettono all’Italia di chiudere a proprio favore il primo set (25-22).

Cambio nel sestetto italiano: Cagnin prende il posto di Nardo nel sestetto iniziale. Si riparte sul filo dell’equilibrio (7-7). Sono le azzurrine a trovare lo spunto giusto per allungare (9-7) ma l’Ucraina si rimette in marcia e piazza il break che vale parità (11-11) e sorpasso (11-14). Il tecnico Pieragnoli opta quindi per il cambio di diagonale, fuori Monza-Frosini dentro Bartolucci-Diop. Con pazienza le azzurrine riprendono a macinare punti: due ace consecutivi di Graziani valgono il ritorno all’equilibrio (14-14), ma è l’Ucraina a ripartire (14-17), a rimanere sul +3 (18-21) e a conquistare il secondo set (23-25).

Terza frazione tutta di marca italiana. Monza e compagne si portano subito in vantaggio (5-1) e tengono le avversarie a distanza: un attacco vincente di Omoruyi vale il 9-4. Tutto facile per le azzurrine che continuano ad allungare (15-8). Il time out chiamato dalla panchina ucraina non sortisce l’effetto sperato: l’Italia amministra (18-12) e chiude agevolmente il set (25-14) portandosi sul 2-1.

L’Ucraina prova a riaprire la partita approcciando con determinazione la quarta frazione (4-0). Il time out chiamato da Pieragnoli dà nuovo slancio alle azzurrine che si riportano in parità (6-6) e passano in vantaggio (8-6). L’Ucraina prova a resistere e tiene il passo (10-10). Cambia di nuovo la diagonale dell’Italia: fuori Monza-Frosini dentro Bartolucci-Diop. Omuruyi e Cagnin, per lei oltre a un attacco vincente anche tre ace consecutivi, rimettono in corsa l’Italia (16-12). Ora è tutto facile per le azzurrine che si spingono sul +7 (22-15) e chiudono senza patemi set e partita (25-19).

BIGLIETTI – Per le gare dei gironi del 12, 13 e 14 luglio è previsto l’ingresso libero, mentre per le semifinali e le finali di sabato 16 e domenica 17 luglio l'ingresso sarà a pagamento. Il link alla biglietteria è disponibile QUI

 

 

 


Newsletter Volleyball.it - Iscriviti / Subscribe

* indicates required

Volleyball.it will use the information you provide on this form to be in touch with you and to provide updates and marketing. Please let us know all the ways you would like to hear from us:

You can change your mind at any time by clicking the unsubscribe link in the footer of any email you receive from us, or by contacting us at redazi[email protected] We will treat your information with respect. For more information about our privacy practices please visit our website. By clicking below, you agree that we may process your information in accordance with these terms.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.