Champions League | 30 novembre 2023, 19:50

Champions League: La Lube fa turnover ma vince 3-0 a Praga. De Cecco MVP

Yant inarrestabile: 100% nel secondo set

Champions League: La Lube fa turnover ma vince 3-0 a Praga. De Cecco MVP

2° GIORNATA - POOL E
VK LVI PRAHA (CZE) - CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3 (22-25, 17-25, 23-25)
VK LVI PRAHA (CZE): Tlaskal (L), Estrada Mazorra 2, Cech 1, Vodicka 2, Monik (L), Schouten 8, Mc Carthy 14, Thiel, Crer 8, Kollator 4, Janouch 1, Madsen 5. Non entrati Krca, Tibitanzl. All. Barrial.
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Anzani 5, Balaso (L), Bottolo 6, Chinenyeze 8, De Cecco 4, Diamantini, Lagumdzija 16, Motzo 1, Nikolov, Thelle, Yant Herrera 16. Non entrati Bisotto, Larizza, Zaytsev. All. Blengini Gianlorenzo.
ARBITRI: Rogic, Van Zanten.
NOTE - durata set: 30', 24', 31'; tot: 85'. Vk Lvi Praha (CZE): Battute sbagliate 12, Vincenti 3. Cucine Lube Civitanova: Battute sbagliate 14, Vincenti 5.

PRAGA - La Cucine Lube Civitanova fa turnover dei posti 4 (in campo Bottolo e Yant) ma ha comunque vita facile dell'avversario ceco. Finisce infatti 3-0 il match con il VK LBI di Praga con i padroni di casa che si accendono sul finire del terzo set con l'ingresso del giovane 2001 Jan Vodicka.

Civitanova però controlla con Yank e Lagumdzija incontenibili. Ma se l'opposto ha fatto il suo, e bene,  con 16 punti (un brillante ed efficace +14 tra punti fatti ed errori regalati) molto bene ha sfruttato l'occasione europea il giovane caraibico Marlon Yant che è risultato il top scorer della partita con 17 punti, 65% in attacco, 1 solo errore, 1 solo muro subito, 3 muri all'attivo e 1 ace, oltre ad un buon supporto in ricezione.

MVP a Luciano De Cecco, cenno di merito a tutta la squadra: per le difese di Balaso, le serie al servizio di Anzani, attacco e muro di Chinneyeze, ricezione di Bottolo.

 

SESTETTI - Cucinieri in campo con De Cecco al palleggio e Lagumdzija opposto, Anzani e Chinenyeze al centro, Nikolov e Yant laterali, Balaso libero. Cechi schierati con Janouch in cabina di regia e Schouten opposto, centrali Crer e Mc Carthy in posto 4 Cech e Madsen, libero Monik.

PARTITA - Tra i commentatori per la tv ceca Ian Stokr, che in Italia ha vinto molti titoli con a Trento con Beppe Cormio dirigente dei gialloblù.

In avvio la Lube si concede una fiammata (0-5), con De Cecco al servizio e i compagni perfetti in attacco e a muro (2 i block vincenti), poi soffre e va sotto 11-7. Lagumdzija (6 punti nel set) ridà ossigeno (11-10), ma Civitanova fatica (14-11) e Blengini inserisce Bottolo per Nikolov. L’aggancio arriva con l’attacco di Chinenyeze dopo la ricezione difettosa dei cechi (14-14), poi De Cecco vince un duello a rete (14-15). Si lotta su ogni pallone e l’ace di Schouten riporta avanti Praga (17-16). Dai nove metri arriva il controsorpasso con il nuovo entrato Motzo (18-19), mentre un’infrazione vale il +2 (18-20). Il team di casa non molla (21-21). De Cecco e Lagumdzija rilanciano Civitanova (21-23). Nel finale entra Mazorra tra i cechi e viene murato da Yant per il 22-25. Cucinieri incisivi in attacco (43% contro il 41%), al servizio (2 ace) e a muro (4 block).

Nel secondo atto resta in campo Bottolo. La Lube trova uno Yant pazzesco (9 punti con il 100% di positività, 1 ace e 1 muro), mentre Praga gioca contratta, tanto che Barrial inserisce Vodicka per Cech poco prima del muro firmato dal cubano in maglia biancorossa (7-11). Letali anche il block di Chinenyeze e il mani out di Yant e il lungolinea di Lagumdzija (9-15). Yant sale in cattedra anche al servizio con un ace (11-17). L’allungo è targato Chinenyeze, vincitore di un duello a rete (13-20). I biancorossi non si fermano e trovano il massimo vantaggio (15-23). Poi Lagumdzija (6 punti con il 71% e 1 ace) si procura otto palle set (16-24). Chiude Chinenyeze (17-25). I biancorossi chiudono con uno stratosferico 89% in attacco e 2 block a 1. In parità gli ace (2-2).

Nel terzo parziale si lotta punto a punto fino all’errore degli uomini di Barrial (8-10). Il tecnico dei padroni di casa inserisce Mazorra per Madsen. Una magia di De Cecco per il primo tempo di Anzani e l’intervento del Challenge su un errore arbitrale valgono l’allungo (11-14). Il VK Lvi Praga torna in partita e trova l’aggancio in attacco per poi mettere subito il naso avanti a muro (20-19). Civitanova impatta subito e si riporta avanti con l’ace di Anzani (20-21). Lagumdzija mette a terra il punto del 23-24, ma Praga annulla il match ball. 

Luca Muzzioli