Champions League | 03 maggio 2024, 17:00

Superfinals: -2. Asia Wolosz, "Battuta e muro-difesa per fare la differenza"

La palleggiatrice delle "Pantere" analizza la finale con Milano. "Sarà una gara completamente differente da quelle già giocate in stagione". 4 i precedenti stagionali, quattro successi per le venete

Asia Wolosz

Asia Wolosz

ANTALYA - Così la capitana della A.Carraro Imoco Conegliano Joanna Wolosz, che giocherà domenica la sua 210° partita in carriera in Champions League: "A una settimana dalla grande felicità per la conquista del nostro sesto scudetto, assorbite le emozioni e le fatiche di una grande finale con Scandicci siamo cariche per questo ultimo obiettivo stagionale, a cui teniamo tantissimo. Giocare un playoff di questo livello e una finale con quattro partite durissime è stata la migliore preparazione per questa SuperFinal. Milano è certamente più riposata di noi perchè da un po' di tempo stanno preparando questa partita, ma noi mentalmente dopo aver giocato e vinto una battaglia del genere certamente siamo pronte e allenate bene a partite dove non si molla dal primo all'ultimo pallone. Vincere e soprattutto vincere dopo aver superato grandi difficoltà aiuta."

Come ti aspetti l'atmosfera in Turchia? "Ricordiamo Antalya per aver vinto lì il Mondiale l'anno scorso, è un posto che ci dà grandi ricordi, ci sarà tanto tifo anche neutrale, chissà che il pubblico turco con Dani e 'Bella' dalla nostra parte, che in Turchia sono idoli, sia dalla nostra parte. Comunque ci sarà un'atmosfera bellissima, ci saranno anche tanti nostri sostenitori e non vediamo l'ora di giocare questa partita che sogniamo da tanto tempo."

Quale pensi possa essere la chiave di questo match? "Abbiamo visto con Scandicci, ma anche nelle precedenti sfide stagionale con Milano, che quando funziona la nostra battuta e riusciamo a mettere in moto la nostra correlazione muro-difesa è difficile per le nostre avversarie, quindi sarà quello secondo me il fattore decisivo per noi. Ovviamente tutti parlano della sfida delle opposte tra Haak ed Egonu, due fuoriclasse, ma secondo me sarà con il gioco di squadra e con la difesa che potremo fare la differenza. Quello che è certo è che non dobbiamo pensare nemmeno lontanamente alle precedenti sfide con Milano di questa stagione, sarà un match tutto diverso dai quattro che l'hanno preceduto, questa è la partita più importante e l'Allianz arriverà determinata e vogliosa di riscattare anche l'uscita in semifinale di campionato, sarà una grande sfida che non vede una squadra favorita. Noi vogliamo finire con una vittoria e un altro trofeo, manca l'ultimo passo, il più difficile, siamo consapevoli che possiamo farlo e ora dopo aver lavorato tanto dobbiamo dimostrarlo in campo domenica giocando una grande partita."

Redazione Volleyball.it

Commenti