Challenge Cup | 02 febbraio 2023, 12:37

Challenge Cup F.: Chieri riporta l'Europa a Torino

Challenge Cup F.: Chieri riporta l'Europa a Torino

TORINO - Si è svolta al Cral Reale Group di corso Agnelli, a Torino, la conferenza stampa di presentazione della partita di ritorno dei quarti di finale della Challenge Cup, che si terrà a Pala Gianni Asti (ex Ruffini) l’8 febbraio e vedrà la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 in campo contro lo Sliedrecht Sport. Nella gara d’andata, giocata ieri sera in Olanda, le biancoblù di coach Giulio Cesare Bregoli si sono imposte 0-3.
Presenti al punto stampa di questa mattina Lucio Zanon di Valgiurata, presidente e amministratore delegato del Gruppo Fenera, oltre che dirigente del Chieri ’76; Luca Filippone, direttore generale Reale Mutua; e Stefano Lo Russo, sindaco di Torino.

“Non posso non iniziare il mio intervento con i ringraziamenti di rito al sindaco di Torino per la disponibilità del Comune a ospitarci al Pala Gianni Asti – ha esordito Zanon – In una città come Torino, con eventi internazionali importanti, soprattutto negli ultimi anni, siamo davvero felici di riportare una coppa europea di pallavolo che mancava dalla stagione 2005/2006”.

La scelta della location il grande evento di coppa europea è stata proprio l’ex Ruffini, la cui capienza notevole permetterà di ospitare numerosi tifosi. Oltre ai sostenitori chieresi ci sarà spazio anche per le società sportive del volley di Torino e provincia. A tal proposito, lo staff del Chieri ’76 ha proposto una formula speciale, consentendo l’ingresso gratuito per atlete e atleti tesserati e un ingresso con prezzo simbolico a 5 euro per gli accompagnatori. Attraverso il comitato provinciale della Fipav sono già arrivate numerose adesioni da parte di club sia maschili sia femminili.

“Il coinvolgimento del settore giovanile è molto importante – ha proseguito Zanon – Noi abbiamo un settore giovanile di grande rilievo, anche nazionale, abbiamo avuto riconoscimenti di recente in questo senso. Parliamo di 500 ragazzine che giocano nel nostro mondo e quindi 500 famiglie che fanno riferimento un po’ a noi per quello che riguarda l’attività sportiva. Spesso siamo portati a vedere la punta dell’iceberg che è il movimento legato alla prima squadra, all’A1, questo naturalmente è prezioso anche per la visibilità che ci dà, ma sotto c’è una base molto solida e ampia. Speriamo davvero di far appassionare Torino e magari, perché no, e lo dico con le dita incrociate e la scaramanzia del caso, poterci giocare altre partite dopo quella dell’8 febbraio”.

A fargli eco il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo: “Vogliamo lavorare molto nella diffusione dello sport tra i giovani, un impegno che sentiamo anche come genitori, non solo come amministratori. Lo sport e la musica sono linguaggi universali, ma soprattutto strumenti per i giovani per socializzare, cosa che dopo la pandemia è fondamentale. Stiamo quindi lavorando per poter fare leva su una strategia che vede nella pluralità degli sport torinesi uno strumento di crescita. Il sindaco è il primo tifoso delle squadre torinesi e, non me ne vogliate, anche tifoso del Chieri”.
“Con l’assessore Carretta – ha aggiunto il primo cittadino di Torino – lavoriamo molto su questo. Essere in una città come Torino che, a livello sportivo, tocca l’eccellenza, è uno stimolo molto importante, anche per i nostri ragazzi. Facciamo quindi il tifo per Chieri per il ritorno dei quarti, vogliamo davvero che Torino sia sempre di più una città che cresce nello sport professionistico. Il Pala Gianni Asti è una cornice importante per un avvenimento importante, può essere un volano per appassionare nuove persone”.

Redazione Volleyball.it

Commenti